EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Arriva il "martedì nero" della Francia: sciopero dei trasporti per la riforma delle pensioni

"Battere Macron sulle pensioni". (Strasburgo, 31.1.2022)
"Battere Macron sulle pensioni". (Strasburgo, 31.1.2022) Diritti d'autore Jean Francois Badias/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Jean Francois Badias/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Di Euronews France - Agenzie internazionali
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Sciopero dei trasporti in Francia martedì 7 febbraio. Il Segretario Generale del sindacato CGT, Philippe Martinez, ha dichiarato che l'approvazione del progetto di riforma delle pensioni porrebbe "un problema democratico" e ha avvertito che la battaglia sindacale continuerà ad oltranza

PUBBLICITÀ

Un'altra giornata difficile per i viaggiatori francesi.
Dopo il 19 e il 31 gennaio, martedì 7 febbraio sarà segnato da uno sciopero interprofessionale del settore-trasporti contro il progetto di riforma delle pensioni.

E un'altra giornata di sciopero è già prevista per sabato 11 febbraio. 

Le motivazioni dello sciopero

Il segretario generale del sindacato CGT (numericamente il più forte di Francia), Philippe Martinez, ha dichiarato che l'approvazione del progetto di riforma delle pensioni (innalzamento dell'età pensionabile da 62 a 64 anni) porrebbe "un problema democratico" e ha avvertito che in questo caso il suo sindacato continuerà la mobilitazione.

"I parlamentari dovrebbero rappresentare il popolo. Ma quando approvano leggi contrarie a ciò che vuole il popolo, c'è un problema democratico.
Non puoi essere eletto per cinque anni e per cinque anni fare quello che vuoi. Mi sembra che ci siano alcune manifestazioni in questo momento, ce ne sarà un'altra martedì, ce ne sarà una sabato, ci sono scioperi, ci sono sondaggi...
Questo è quello che bisogna ascoltare: la voce del popolo".
Philippe Martinez
61 anni, Segretario Generale sindacato CGT
Christophe Ena/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Philippe Martinez (con i baffi), leader del sindacato CGT, alla manifestazione di Parigi del 31 gennaio.Christophe Ena/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.

"Per noi, come per tutti i sindacati, l'innalzamento dell'età pensionabile a 64 anni e l'estensione del periodo contributivo non è accettabile", ha continuato Philippe Martinez, durante un'intervista televisiva a France2.
“Contiamo sul fatto che ci siano mobilitazioni continue, affinché gli eletti della Repubblica tengano conto del parere dei cittadini. E se non veniamo ascoltati, penso che il clima peggiorerà in modo significativo", ha aggiunto Martinez.

Sciopero massiccio

Lo sciopero dovrebbe essere massccio da parte dei dipendenti di SNCF (le Ferrovie dello Stato francesi), che mette in guardia dal traffico "fortemente perturbato" e invita i viaggiatori a "cancellare o posticipare i propri viaggi".

E anche per gli aerei la situazione si annuncia difficile: domenica la Direzione generale dell'Aviazione civile ha chiesto alle compagnie aeree di cancellare preventivamente un volo su cinque, martedì, all'aeroporto di Parigi-Orly.

Per i treni, bisognerà contare in media un TGV su due per questa nuova giornata di mobilitazione in tutta la Francia.
Nel dettaglio: due TGV su cinque saranno mantenuti sull'asse Nord, un TGV su due sull'asse Est, un TGV su tre sull'asse Atlantico, due TGV su cinque sull'asse Sud-Est.

Per il traffico internazionale, la SNCF garantisce tre Eurostars su quattro e prevede traffico "leggermente disturbato" sul Thalys.

A livello di TER, il traffico regionale subirà la soppressione di un gran numero di treni. In media, dovrebbero circolare solo tre treni su dieci.
Queste previsioni possono variare notevolmente a seconda della regione. 

Risorse addizionali per questo articolo • FRANCEINFO

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Parigi decide il destino dei monopattini elettrici

In Francia la riforma delle pensioni entra nel vivo

Francia in piazza contro la riforma delle pensioni targata Macron