EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Grecia, visita "di frontiera" per gli ambasciatori europei: messaggio greco alla Turchia

La polizia greca presidia il "muro" di frontiera.
La polizia greca presidia il "muro" di frontiera. Diritti d'autore frame from SKAI TV via EBU
Diritti d'autore frame from SKAI TV via EBU
Di Cristiano TassinariEuronews World - AP
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Ancora rapporti tesi tra Grecia e Turchia sul controllo dei migranti: il governo greca aumenta la presenza della polizia e vuole allungare il "muro" di Evros. L'Agenzia europea Frontex aggiungerà altre 400 guardie di frontiera in Grecia, 250 delle quali già a partire da febbraio

PUBBLICITÀ

Sembrano non bastare i 27 km di "muro" alla frontiera greco-turca. 
Ingressi illegali triplicati in Grecia, nel 2022, ma sono aumentati anche i respingimenti ai confini. 

I dati del ministro greco per la Protezione dei cittadini parlano chiaro: l'anno scorso la Grecia ha impedito a circa 260.000 migranti di entrare illegalmente nel Paese e ha arrestato 1.500 trafficanti di essere umani.

Lo ha comunicato il ministro greco Takis Theodorikakos agli ambasciatori degli altri Paesi dell'Unione europea - oltre a Svizzera e Regno Unito - durante la visita alla frontiera greco-turca di Evros.

"La nostra visita invia un messaggio molto forte di solidarietà a tutta l'Europa, nonché unità e determinazione a proteggere e a presidiare il confine della Grecia con la Turchia, che è anche il confine dell'Unione europea con la Turchia.
Questo è un forte messaggio di applicazione del diritto internazionale e credo che la Turchia dovrebbe riceverlo".
Takis Theodorikakos
Ministro per la Sicurezza e la Protezione dei cittadini - Grecia
Screenshot
"Un messaggio per l'Europa e per la Turchia".Screenshot

Il "muro di frontiera"

La recinzione - un vero proprio muro - alta 5 metri alla frontiera tra Grecia e Turchia, attraverso il fiume Evros (chiamato Meric in Turchia), attualmente si estende per oltre 27 chilometri, ma verrà ulteriormente allungata, sigillando i confini terrestri tra i due paesi.

Screenshot
Il "muro" greco anti-migranti.Screenshot

La Grecia sta attualmente espandendo la recinzione, aggiungendo un tratto di 35 chilometri, con l'obiettivo finale di estenderlo per coprire la maggior parte del confine di 192 chilometri.

La mappa di Evros

L'Agenzia per la Protezione delle frontiere dell'Unione europea (Frontex) aggiungerà altre 400 guardie di frontiera in Grecia, 250 delle quali a febbraio, alla forza già esistente di 1.800 unità.

La Grecia ha ripetutamente accusato la Turchia di usare come "arma" la situazione dei migranti, incoraggiandoli ad attraversare il confine, per mettere in difficoltà la Grecia e il resto dell'Ue.
E Ankara accusa Atene di violenti respingimenti che mettono in pericolo la vita dei migranti.

Anche la Turchia, peraltro, ha il suo problema-migranti, ospitandone circa 5 milioni.

I leader dell'Unione europea temono da tempo che il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan possa incoraggiare un esodo di massa dei migranti "di passaggio" (in particolare siriani e afghani, ma non solo) verso l'Europa.

Risorse addizionali per questo articolo • ASSOCIATED PRESS

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La fredda accoglienza della Svezia ai migranti

Ancona: sbarcati i 73 migranti della "Geo Barents": continuano le polemiche

Grecia, 24 soccorritori volontari sotto processo