EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Grecia, 24 soccorritori volontari sotto processo

AP Photo
AP Photo Diritti d'autore Panagiotis Balaskas/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Panagiotis Balaskas/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Sono accusati di reati gravi come spionaggio, contrabbando e riciclaggio di denaro

PUBBLICITÀ

Sono 24 i soccorritori volontari sotto processo in Grecia, accusati di reati gravi come spionaggio, contrabbando e riciclaggio di denaro,

Tra gli imputati, che rischiano sino a 25 anni di carcere, c'è la siriana Sara Mardini, una delle due sorelle diventate famose nel 2015, quando hanno dovuto trascinare a nuoto il barcone che le trasportava dalla Turchia a Lesbo, una volta che ha iniziato a imbarcare acqua.

Quest'ultima ha ottenuto asilo in Germania, ma è tornata in Grecia per partecipare volontariamente alle operazioni di ricerca e soccorso.

Non è presente al processo, perché le è stato impedito di entrare in Grecia: la sua richiesta di entrare nel Paese è stata ripetutamente respinta.

Durante i suoi anni di volontariato, ha incontrato il subacqueo tedesco Sean Binder, che ha anche preso parte alle operazioni di salvataggio ed è uno degli imputati.

Panagiotis Balaskas/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
AP PhotoPanagiotis Balaskas/Copyright 2023 The AP. All rights reserved

"Sono qui a Lesbo - dice Grace O'Sullivan, eurodeputata irlandese - per sostenere i soccorritori che stanno affrontando queste accuse penali.

Oggi il giudice ha ascoltato le obiezioni e venerdì delibererà se accettarle o meno, spero che ritiri queste accuse infondate, come definite da Amnesty International".

Il processo avrebbe dovuto iniziare nel 2021, ma fu rinviato: Binder e il volontario greco Nassos Karakitsos hanno scontato più di tre mesi di detenzione preventiva.

"Siamo certi del risultato - dice quest'ultimo - perché sappiamo di non aver fatto niente di male, aiutare le persone non è sbagliato, lo debbono sapere tutti e lo sanno tutti".

La storia di Sara e Yusra Mardini aveva commosso la comunità internazionale nel 2015.

Un anno dopo, Yusra ha gareggiato alle Olimpiadi estive di Rio nella squadra dei rifugiati: della loro storia, Netflix ne ha fatto un film, uscito lo scorso novembre con il titolo "The Swimmers". 

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Grecia, visita "di frontiera" per gli ambasciatori europei: messaggio greco alla Turchia

Isola di Lesbo: la strage delle donne nel Mar Egeo

Trattamenti "disumani" per i migranti nel Mar Egeo: un rapporto di Msf svela i presunti abusi