Davos al via tra le proteste di ambientalisti e anticapitalisti

frame
frame Diritti d'autore frame
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Attesi 2700 tra leader politici, banchieri e grandi capitalisti. Greenpeace: "Oltre 100 jet privati inquineranno come 350mila automobili"

PUBBLICITÀ

Il Forum economico di Davos che si apre lunedi in Svizzera, registra le contestazioni degli anticapitalisti, delle Ong e dei gruppi ecologisti, che accusano i "potenti del mondo" di discutere tra di loro di ambiente usando la forma di trasporto più inquinante.

Secondo uno studio di Greenpeace la prevista partecipazione record di imprese e capi politici, muoverà in una settimana più di mille jet privati che inquineranno come 350mila automobili.

Al Forum sono attesi i leader politici di gran parte del mondo, i dirigenti delle banche e delle grandi imprese e i principali esponenti del capitalismo globale.

Gli incontri, segnati dallla guerra russa in Ucraina e dalla recessione si svolgeranno sullo sfondo geo-politico e geo-economico "più complesso degli ultimi decenni", ma lo stesso per il presidente del Forum Brende "la posta in gioco è altissima".

La lista dei partecipanti conta 2700 persone, tra le quali 52 capi di stato o di governo, 19 governatori di banche centrali, e 116 miliardari, il 40 per cento in più rispetto a dieci anni fa.

Oltre alla Russia sarà assente anche la Cina, mentre sarà nutrita la presenza di partecipanti provenienti dai paesi del Golfo persico, Qatar in testa.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Blocco ambientalista nel cuore dell'Aia

L'allargamento dell'Unione europea a est è davvero un'opportunità economica?

Forum a Davos, "ricostruire la fiducia" il tema. Il direttore: "Siamo di fronte a una nuova realtà"