Papa Francesco in Bahrain per rilanciare il dialogo ecumenico

Francesco in partenza
Francesco in partenza Diritti d'autore Domenico Stinellis/AP
Di euronews con Ansa
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Papa Francesco in Bahrain per rilanciare il dialogo ecumenico

PUBBLICITÀ

Alla vigilia del viaggio di papa Francesco in Bahrain, regno arabo del Golfo stretto alleato dell'Arabia Saudita, Amnesty international e una piattaforma di dissidenti del Bahrain in esilio hanno rivolto un appello congiunto al pontefice perché affronti durante il suo soggiorno a Manama la questione del rilascio dei prigionieri di coscienza e la fine della discriminazione dei membri della comunità musulmana sciita del paese.

Il Bahrain è retto dalla casa regnante dei Khalifa, musulmano sunniti, il cui governo è stato ripetutamente denunciato per le violazioni nei confronti degli sciiti nel paese, che costituiscono più della metà della popolazione.

Amnesty international e l'Organizzazione Americans for Human Rights and Democracy in Bahrein scrivono al Papa, riferendosi anche alla violenta repressione, sostenuta dall'Arabia Saudita, delle proteste popolari del 2011: "undici anni dopo la rivolta popolare che ha scosso il Bahrein, e con le fanfare delle successive riforme, i prigionieri di coscienza... rimangono dietro le sbarre e i diritti alla libertà di espressione, associazione e riunione continuano a essere repressi".

L'appello al papa prosegue: "a distanza di undici anni, le autorità bahreinite sono riuscite a eliminare ogni spazio per l'esercizio pacifico del diritto alla libertà di espressione e all'attivismo pacifico".

Il 12 novembre prossimo sono previste le elezioni parlamentari in Bahrain e gli attivisti denunciano la discriminazione anche politica nei confronti della comunità sciita locale.

"In occasione della Sua visita nel Paese - si conclude l'appello - e nel nome del rispetto e della difesa dei diritti umani, chiediamo il Suo intervento per sollevare con i Suoi interlocutori i casi dei prigionieri di coscienza nelle carceri bahreinite e di chiederne il rilascio immediato e incondizionato, insieme alla fine della sistematica discriminazione della comunità sciita".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Germania puo' essere imparziale sulla guerra a Gaza?

Macedonia del Nord: code alle stazioni di polizia per i nuovi passaporti

Dietro le quinte del Trofeo Hassan II, il torneo di golf più famoso del Marocco