Coppa del mondo FIFA Qatar 2022: l'esercito dei volontari e il dietro le quinte dell'evento

Di Euronews
Coppa del mondo FIFA Qatar 2022: l'esercito dei volontari e il dietro le quinte dell'evento
Diritti d'autore  euronews

Qatar 365: il programma che offre una nuova prospettiva su Doha e dintorni. 
In primo piano i Mondiali di calcio Qatar 2022 con uno sguardo da vicino sul dietro le quinte e sui preparativi per l'evento.

I volontari per Qatar 2022

Con una superficie di 11.000 chilometri quadrati, il Qatar è la nazione più piccola ad avere mai ospitato un Mondiale.

Il Paese ha mobilitato 20.000 appassionati di calcio da tutto il mondo per collaborare alla sua realizzazione.

Abbiamo incontrato alcuni dei volontari che lavoreranno negli alberghi, negli ospedali, negli aeroporti e, naturalmente, negli stadi per fornire un supporto vitale durante il torneo.

I volontari sono migliaia, di 160 nazionalità, di età compresa tra i 18 e i 77 anni. Hanno intrapreso l'avventura da stranieri. Ora, però, molti di loro hanno sviluppato un'amicizia che va ben oltre il torneo.

Rufaro Makambira-Chindalo è una dei volontari sottolinea i valori di un evento che non è solo sport: "Vado davvero d'accordo con i miei colleghi. È come una famiglia. Quando si fa volontariato, è come una grande famiglia felice. Ed è come un melting pot perché proveniamo tutti da culture diverse e variegate. È questo il bello. Ci siamo amalgamati alla perfezione. Accettiamo le differenze e le culture degli altri. E ora conosco molto di più le persone di diverse nazionalità e anche loro conoscono me".

Euronews
Volontari per Qatar 2022Euronews

La selezione del team di supporto, dalle candidature alla formazione

Per i volontari è stato davvero un bel viaggio. Più di mezzo milione di persone hanno fatto domanda per partecipare e tutte sono state sottoposte a un rigoroso processo di selezione: dopo le prime candidature, ci sono state le prove, poi i colloqui e infine la formazione online e di persona.

La formazione di persona inizia al Volunteers Hub.

Con un'atmosfera da clubhouse e un ampio spazio per le lezioni, è qui che i formatori e i membri del team si occupano di preparare fino a 750 volontari al giorno. La fase finale, prima dell'inizio delle partite, è la formazione specifica negli stadi, nelle fan zone e negli hub per i media.

Nasser Al-Mogaiseeb, responsabile della strategia per i volontari, spiega: "20.000 volontari saranno dislocati in 45 aree funzionali con ruoli diversi, che possono riguardare i media, i trasporti, gli spettatori, la gestione degli ospiti. Questi settori saranno gestiti da diversi leader per essere sicuri di assegnare i ruoli giusti per ogni volontario e anche per gli spettatori".

Secondo il volontario Emmanuel Alonge, per riuscire sono necessari "passione ed entusiasmo. Senza zelo e passione, non c'è spazio per il volontariato - rimarca Alonge, che aggiunge: "Ho deciso di dedicarmi al volontariato quando sono arrivato in Qatar, sei anni fa. Ciò che mi ha spinto a partecipare è l'opportunità di dare qualcosa alle persone che mi circondano".

Oltre ad avere passione, i volontari devono anche essere disposti a rinunciare a una parte significativa del loro tempo libero, prima con la formazione e poi impegnandosi per un minimo di dieci giorni di lavoro durante la Coppa del Mondo.

Fare il volontario a Qatar 2022: perché?

I motivi che li hanno spinti a partecipare sono diversi, ma tutti condividono un obiettivo: consegnare al mondo arabo la prima Coppa del Mondo FIFA. Tutti i volontari con cui abbiamo parlato hanno sottolineato la stessa cosa: il torneo offre un'opportunità unica per imparare dagli altri.

"Sono qui in Qatar da tre anni. Sapete, il Qatar è pieno di nazionalità e culture diverse. Quindi, questo è il momento di sperimentare tutte queste diversità. E bisogna condividere l'esperienza. Bisogna condividere le proprie conoscenze, tutto" commenta Muhammed Shahid.

Anche Ahmed Showair è volontario: "Ci aspettiamo 1,5 milioni di spettatori. Si uniranno a noi anche lo staff della FIFA e la stampa. Quindi molte persone arriveranno da diverse parti del mondo, da tutti i sei continenti. Vengono a vedere questo torneo. Per me, l'idea è di offrire un torneo straordinario a tutte queste persone".

Per Rufaro Makambira-Chindalo, il volontariato è un affare di famiglia. Suo figlio e suo padre arriveranno entrambi in aereo dallo dallo Zimbabwe.

"Tutto è iniziato con la Coppa Araba. È stato allora che mi sono offerta volontaria con mio figlio. Il bello è che nel 2019, quando sono venuta in Qatar, sono venuta come visitatrice. Mio padre stava venendo qui a curarsi. Si trattava di un trattamento per il cancro: l’ha affrontato, ha fatto gratuitamente la radioterapia  all'ospedale Hamad International. Dunque ora ci saranno tre generazioni: padre, figlia e mio figlio, Faremo tutti il volontariato lì e sarà davvero incredibile".

Con l'avvicinarsi del calcio d'inizio, la collaborazione diventa sempre più importante. La partecipazione dei volontari e la loro disponibilità a farsi avanti per aiutare il Qatar a realizzare la Coppa del Mondo sono un altro esempio di potere positivo dello sport. 

La mobilitazione dei qatarioti per il Mondiale

Con l'eccitazione per i Mondiali di calcio che si sta diffondendo nel Paese, alcuni residenti sperano di essere coinvolti.

Aadel Haleem ha incontrato diversi imprenditori locali che vogliono dare la loro impronta a Qatar 2022.

Che si tratti di una cucina, di uno studio o anche di una Majlis (stanza utilizzata per ricevere i visitatori. Questa camera può avere molti cuscini posti sul pavimento o molte panche imbottite per gli ospiti), i qatarioti stanno mettendo a disposizione spazi di lavoro unici per fare la loro parte in occasione della Coppa del Mondo di calcio.

I capolavori di cioccolato

Ad esempio, VJ sta lavorando al suo prossimo capolavoro.

Il pasticcere (Dhamodharan è il suo nome all'anagrafe)sta realizzando una creazione in cioccolato, del peso di 35 chilogrammi, dello stadio di Lusail, sede della partita finale della Coppa del Mondo FIFA Qatar 2022. E non è tutto. Ha in programma di completare il tutto con una riproduzione in cioccolato del logo di Qatar 2022. È un lavoro d'amore per il 24enne.

"Da quando avevo 8 anni, ho sempre amato fare cose che non richiedessero di stare seduti davanti a un computer, quindi stimolanti sia mentalmente che fisicamente. E la pasticceria è uno dei pochissimi settori che offrono entrambe le cose, stimolando sia il lato mentale che quello creativo" ci dice l'artista pasticcere. 

VJ stima che ci vorranno dalle 25 alle 30 ore per completare il lavoro, dalla progettazione al prodotto finito.

Euronews
Opere d'arte in cioccolato per Qatar 2022Euronews

Corsi di ceramica per rilassare anche i tifosi più accesi

Dall'altra parte della città, c'è una nuova installazione nel vecchio porto di Doha.

Il team di Clay Encounters ha aperto un nuovo spazio a pochi passi dal 974 Stadium. Durante i Mondiali, collaboreranno con le navi da crociera per offrire corsi di ceramica ai turisti in città per il torneo.

La titolare Reema Abu Hassen ci mostra l'area di produzione: "Tutta la produzione delle ceramiche, degli oggetti e dei souvenir per la Coppa del Mondo avverrà in quest'area. A ridosso ci sono la galleria e il punto per la vendita al dettaglio".

Reema Abu Hassen ha aperto il suo primo studio di design della ceramica nel quartiere residenziale di The Pearl cinque anni fa. Ma con l'arrivo dei Mondiali di calcio nella sua città, ha fatto un salto di qualità e ha aperto un secondo laboratorio.

"Il progetto è quello di accogliere i turisti che arrivano in città, in modo che possano scoprire questo artigianato tradizionale, che è una sorta di artigianato locale, e possano comprare anche oggetti che sono stati fatti a mano a Doha appositamente per la Coppa del Mondo" dice Abu Hassen, che sostiene una cosa: "Lavorare con le mani aiuta a distendersi e potrebbe rilassare i tifosi di calcio più tesi".

Euronews
Corsi di ceramica per visitatori e tifosiEuronews

"Con la ceramica c'è una sorta di elemento terapeutico e di radicamento - spiega la propritaria dell'atelier di ceramica - La maggior parte delle persone arriva e non ha mai fatto nulla con le proprie mani. Tutti lo descrivono sempre come un processo molto meditativo. Credo che ci sia qualcosa di molto rilassante e piacevole nel doversi sedere e creare qualcosa con le mani. E visto che abbiamo una piccola comunità intorno al laboratorio, associo la ceramica anche a un momento di condivisione perché ci sediamo sempre a fare cose in gruppo. Quindi, è un modo per connettersi con le persone e per evadere dalla vita di tutti i giorni".

Guardare il match in stile qatariota

Se poi i tifosi vogliono fuggire dalla città per un po', c’è il Souq Al Wakra si trova a sud di Doha.

Situato in quello che un tempo era un piccolo villaggio di pescatori e di cercatori di perle, le barche spiaggiate simboleggiano la fine dell'industria perlifera del Paese, un'attività che risale a 7.000 anni fa.

Embrace Doha è una casa culturale indipendente che mette in mostra il ricco patrimonio del Paese a turisti e stranieri.

Shaima Sherif, amministratore delegato di Embrace Doha, porta ad esempio la tessitura sadu: "Le donne del Qatar, in particolare le donne beduine, intrecciavano disegni e simboli molto elaborati. Se non li si conosce e li si guarda da lontano, potreste pensare che questi motivi siano molto simili a quelli dei Paesi vicini. Ma, in realtà, sono davvero specifici e i colori sono molto diversi, unici per la cultura qatariota".

Così, con molte proposte attuali che animano Qatar 2022, Embrace Doha spera di mescolare sport e cultura per offrire ai tifosi di calcio un'esperienza autentica e tradizionale.

Amal Al Shammari, direttrice fondatrice di Embrace, definisce meglio la proposta: "Quello che offriamo è di guardare la partita attraverso un'esperienza culturale: è come assistere al match in modo qatariota. Quindi, invitiamo i visitatori a venire un'ora prima della gara per provare i vestiti. Poi parleremo dell’ospitalità qatariota e assaggeremo il cibo del Qatar, oltre a guardare la partita".

Euronews
I match e la culturaEuronews

La speranza degli organizzatori è che chi sarà in Qatar per la Coppa del Mondo possa ripartire con dei ricordi che superano le aspettative.