This content is not available in your region

Liz Truss è la nuova premier britannica

Access to the comments Commenti
Di euronews
AP Photo
AP Photo   -   Diritti d'autore  Stefan Rousseau/live

Partecipazione elettorale superiore all'82% per decidere il nuovo premier britannico nel quadro del partito Conservatore, ed è Liz Truss a vincere largamente battendo il rivale, Rishi Sunak. 

La ministra degli Esteri del governo uscente è stata eletta nuovo leader del partito e quindi automaticamente nuovo premier. Truss ha ottenuto 81.326 voti contro i 60.399 del rivale Rishi Sunak, ex ministro delle finanze. Nel suo intervento, una appassionata dichiarazione di intenti: "So che le nostre convinzioni sono in consonanza col popolo britannico. La nostra fede nella libertà, nella capacità di controllare la propria vita dal basso, si fonda nelle responsabilità personali. So che è per questo che la gente ha votato per noi così massicciamente nel 2019. Come leader del nostro partito voglio mantenere ciò che abbiamo promesso a quegli elettori di tutto il nostro grande paese", ha chiarito Truss.

Appuntamento con la regina

Martedì, Lis Truss incontrerà la regina Elisabetta II a Balmoral, in Scozia, dove sarà nominata primo ministro. Boris Johnson lascia un paese a picco sul baratro con una elevatissima inflazione e con i costi di carburanti e generi alimentari alle stelle mentre gli imprenditori chiedono rapide soluzioni ai gravi problemi.

Grande ammiratrice di Margareth Thatcher (tanto da incarnarne il personaggio a 7 anni, in una simulazione di voto tra bambini), Lizz Truss è stata a lungo contraria alla Brexit, per diventarne successivamente un'accanita sostenitrice.  

Stefan Rousseau/live
AP PhotoStefan Rousseau/live

Favorevole a una forte riduzione del carico fiscale per le imprese Truss assume l'incarico in una fase storica particolarmente difficile, dopo le dimissioni forzate del vulcanico e caotico Boris Johnson, in piena crisi globale caratterizzata dal forte aumento del costo della vita, dalle difficoltà di approvvigionamento energetico, dalle conseguenze del conflitto in Ucraina e delle sanzioni.