This content is not available in your region

Regno Unito: chi è Liz Truss, favorita alla successione di Boris Johnson

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Liz Truss
Liz Truss   -   Diritti d'autore  GEOFF CADDICK/AFP or licensors

Liz Truss è favorita nella sfida interna al partito Conservatore per la successione al premier britannico Boris Johnson.

Su di lei, la ministra degli Esteri Liz Truss, i detrattori sostengono che sia nota per cambiare idea e per un certo opportunismo: dice quello che gli altri vogliono sentire, è il mantra dei critici. 

La nota di biasimo poggia verosimilmente sulla metamorfosi della candidata che, in gioventù, quando studiava filosofia, politica ed economia all'Università di Oxford, è stata presidente dei Liberal Democratici dell'ateneo e ha sostenuto la legalizzazione della cannabis e l'abolizione della famiglia reale, sulla scia del credo politico dei genitori. 

Dopo la laurea  Truss si è iscritta al partito Conservatore e, nel 2006, è stata eletta consigliere comunale a Greenwich, prima di diventare deputato per il South West Norfolk nel 2010. 

Poi, in sequenza, con David Cameron, Theresa May e Boris Johnson, ha ricoperto praticamente tutte le caselle dell'esecutivo: dall'Istruzione all'Ambiente, dalla Giustizia al Commercio internazionale sino alle Pari opportunità e agli Affari esteri.

Truss è stata una convinta sostenitrice della Brexit: gli oppositori insinuano però che abbia rischiato di scatenare una guerra commerciale con l'Unione europea a causa dell'impasse del protocollo sull'Irlanda del Nord, quando ha voluto eliminare ampie parti dell'accordo.

Sul fronte opposto, i sostenitori affermano che il suo pensiero creativo ha portato a successi insperati, come il rilascio di Nazanin Zaghari-Ratcliffe, detenuta in Iran dal 2016 per una disputa tra Londra e Teheran.

In qualità di ministro del Commercio internazionale, Truss ha firmato 63 accordi di rinnovo con vari Paesi del mondo, tra cui Giappone, Australia e Nuova Zelanda.
È uno dei membri più longevi del governo conservatore.