Gb: sconfitta per Boris Johnson alle elezioni suppletive

Boris Johnson
Boris Johnson Diritti d'autore Jon Super/Jon Super
Di Euronews con Ansa
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il partito conservatore perde due seggi nel sudovest e uno al nord

PUBBLICITÀ

Un'altra batosta per il primo ministro britannico Boris Johnson. Alle elezioni suppletive il suo partito conservatore ha subito due sconfitte schiaccianti nel sudovest.

Nei collegi di Riverton e Honiton i liberaldemocratici hanno ribaltato i Tories che hanno perso anche nella circoscrizione di Wakefield, nel nord dell’Inghilterra,dove è tornato a vincere il principale partito d’opposizione, quello laburista.

Le reazioni

Secondo il leader laburista Keir Starmer, "il voto conferma che il paese ha perso fiducia" nel primo ministro e che il partito di BoJo "sta implodendo". Mentre per Ed Davey, numero uno dei LibDem, si tratta di una sveglia indirizzata agli stessi deputati Tory i quali, alla luce del Partygate e di altri passi falsi imputati al governo, dovrebbero a suo dire "fare finalmente la cosa giusta e silurare" la leadership di Johnson.

Lascia il presidente

E si è dimesso con effetto immediato il presidente del partito conservatore Oliver Dowden: "Un’assunzione di responsabilità per la sconfitta elettorale", ha detto.

Queste sconfitte "sono l'ultima di una serie di pessimi risultati per il nostro partito", ha scritto Dowden in una lettera a Johnson, aggiungendo che "non possiamo andare avanti come al solito".

Le elezioni si sono svolte giovedì dopo le dimissioni di due parlamentari travolti da scandali a sfondo sessuale.

La sfiducia scampata

Due settimane fa il premier ha superato il voto di fiducia, pure se con una valanga di no: i deputati conservatori gli hanno rinnovato il loro mandato con 211 voti a favore, e 148 contrari. Per vincere, Johnson aveva bisogno del consenso del 50% dei deputati più uno, quindi almeno 180 voti favorevoli.

Ciò significa che più del 40% dei parlamentari conservatori ha votato contro Johnson, che resta a Downing Street, seppur indebolito dalla divisione nel suo partito.

Per approfondire:

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Liz Truss è la nuova premier britannica

Gb, numero record di attraversamenti sulla Manica: quasi 1.300 persone, il doppio dell'anno scorso

Post-brexit, Irlanda del Nord: la commissione avvia una procedura d'infrazione contro il Regno Unito