This content is not available in your region

Gazprom chiude ancora i rubinetti del Nord Stream 1 per qualche giorno

Access to the comments Commenti
Di Euronews  Agenzie:  AP, ANSA
euronews_icons_loading
L'impianto di approdo del gasdotto Nord Stream 1 nel Mar Baltico  a Lubmin
L'impianto di approdo del gasdotto Nord Stream 1 nel Mar Baltico a Lubmin   -   Diritti d'autore  Markus Schreiber/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved

Gazprom aggiunge benzina sul fuoco. Il prezzo del gas in Europa ha fatto segnare questo venerdì un nuovo record di chiusura della sessione, raggiungendo quota 257,4 euro a Megawattora, dopo che il gigante russo del gas ha annunciato la chiusura "per manutenzione" del gasdotto Nord Stream 1 dal 31 agosto.

Come dichiarato dall'azienda sul proprio account Telegram, l'unico gruppo di pompaggio del gas funzionante Trent 60 sarà fermato per tre giorni per lavori di manutenzione ordinaria e dopo il completamento dei lavori, se non ci saranno malfunzionamenti tecnici, la fornitura di gas riprenderà al livello di 33 milioni di metri cubi al giorno. E cioè il 20% della capacità del Nord Stream 1.

Le ripetute interruzioni del gas da parte di Gazprom, con varie scuse, stanno ostacolando i piani del governo tedesco, che vorrebbe riempire i propri impianti di manutenzione in vista dell'inverno. Al momento è stato riempito il 78% dei siti di stoccaggio.

Immediata la reazione in Germania. Wolfgang Kubicki, vicepresidente dell'FDP e del Parlamento, ha detto che Berlino dovrebbe “aprire il gasdotto Nord Stream 2 il prima possibile, per riempire i serbatoi di stoccaggio del gas per l’inverno. Non c’è motivo per non farlo”. Una dichiarazione ampiamente criticata anche da alcuni colleghi di partito.