EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Salman Rushdie, una vita vissuta pericolosamente

Image
Image Diritti d'autore Rogelio V. Solis/Copyright {2018} The Associated Press. All rights reserved
Diritti d'autore Rogelio V. Solis/Copyright {2018} The Associated Press. All rights reserved
Di Alberto De Filippis
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Rushdie era quasi riuscito a vivere una vita normale in America dopo essere stato quasi nascosto per dieci anni a causa della Fatwa contro di lui

PUBBLICITÀ

Salman Rushdie ha 40 anni quando pubblica i Versetti Satanici. Il libro che gli cambierà definitivamente la vita. Nel bene e nel male.

È allora che Rushdie, cresciuto in una famiglia musulmana borghese a Bombay, diventa oggetto di odio in tutto il mondo musulmano integralista. Pochi hanno davvero letto le 600 pagine del testo, ma l'indignazione si diffonde in tutto il mondo, la gente muore nelle manifestazioni contro di lui e il suo libro è bandito in diversi paesi.

Nel 1989 arriva la fatwa del leader supremo iraniano: "Informo il popolo musulmano di tutto il mondo che l'autore del libro, che è contrario all'Islam, al Profeta e al Corano, e tutti coloro che sono coinvolti nella sua pubblicazione, sono condannati a morte».

Salman Rushdie entra in una vita di semi-clandestinità ma non rinuncia a scrivere e continua il suo lavoro all'insegna del "realismo magico" sperando, senza crederci, che la fatwa alla fine venga revocata.

Simbolo di libertà di espressione suo malgrado, Salman Rushdie vede premiate le sue opere ma la minaccia persiste.

Nel 1996 rinuncia a recarsi in Danimarca per ricevere il premio Aristeion della letteratura assegnato dall'Unione Europea: i servizi di intelligence giudicano il viaggio troppo rischioso. Il romanzo pubblicato all'epoca è l'ultimo sospiro del moro. Nel libro vi sono diversi riferimenti alla propria vicenda personale, in particolare l'isolamento del narratore e l'ombra della morte che sembra seguirlo continuamente.

Così Rushdie: "Negli ultimi anni sono stato un po' distratto dalla conversazione letteraria, e uno dei grandi piaceri che mi sono stati preclusi".

30 anni dopo i Versetti Satanici, Salman Rushdie aveva appena annunciato la pubblicazione del suo 15° romanzo, quando è stato accoltellato negli Stati Uniti, eppure era riuscito fino ad oggi a vivere una vita quasi normale a New York.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

"Le parole vincono": Salman Rushdie parla nella prima intervista televisiva dopo l'attentato

Sulla scalinata della biblioteca di New York per sostenere Rushdie

Salman Rushdie sulla "via della guarigione, lungo percorso di recupero"