EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Anche nel Caucaso si sciolgono definitivamente i ghiacciai

Lo scioglimento dei ghiacciai
Lo scioglimento dei ghiacciai Diritti d'autore Luca Bruno/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.
Diritti d'autore Luca Bruno/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Sulla spinta della tragedia della Marmolada, col crollo improvviso del ghiacciaio e la morte di 11 persone, anche in altre parti del mondo i ghiacciai sono diventati sorvegliati speciali. Il caso del Caucaso

PUBBLICITÀ

Anche le montagne del Caucaso potrebbero cambiare per sempre. Secondo uno studio negli ultimi 20 anni i ghiacciai del Grande Caucaso hanno perso 320 chilometri quadrati di ghiacci, mentre alcuni piccoli ghiacciai della stessa catena sono già scomparsi fra Russia, Georgia, Azerbaigian, Armenia e Artsakh.

Gli osservatori preoccupati

Questi cambiamenti sono misurati non solo dagli scienziati ma anche sperimentati dagli alpinisti che si recano spesso in alta quota. La catena del Caucaso si è formata circa 25 milioni di anni fa, nel Terziario come le Alpi, a seguito della collisione tra la placca araba e quella euroasiatica (ancora oggi è soggetta a terremoti). Le precipitazioni (fortemente nevose nel Gran Caucaso) calano da ovest a est e con il calare dell' altitudine.

"I cambiamenti possono già essere avvertiti da noi, cambiano anche le stagioni, i mesi che erano propizi per l'alpinismo adesso non sono più sicuri, le minacce di valanghe e caduta massi è in aumento. Ho visto anch'io lo scioglimento dei ghiacciai, ad esempio il ghiacciaio del Gergeti , che prima era enorme, ora sembra davvero striminzito... è straziante da vedere. È difficile credere quanto sia cambiato in 100 anni, se continua così, il futuro sarà cupo". spiega l'alpinista Archil Badriashvili.

Il dramma della Marmolada

Si dice che il cambiamento climatico abbia avuto un ruolo nel crollo del ghiacciaio della Marmolada in Italia, il 3 luglio, che ha ucciso 11 persone. Il crollo ha coinciso con temperature insolitamente elevate. L'incidente solleva la questione se una tragedia come questa possa ripetersi. Secondo il glaciologo Levan Tielidze, autore di numerosi studi, i ghiacciai del Caucaso si stanno restringendo a tutti i livelli e alcuni si sono ritirati di oltre 4 chilometri. Anche il numero dei laghi di origine glaciale sta aumentando cosa che genera ulteriori problemi.  "Questi ghiacciai si sono ridotti di oltre l'1% ogni anno, il che significa che alcuni ghiacciai potrebbero scomparire in due decenni e non in 100 anni, come si credeva in precedenza. I ghiacciai sono importanti per l'ambiente, costituiscono riserve di acqua dolce e alimentano i fiumi. Quando i ghiacciai si sciolgono, i pendii delle montagne possono diventare instabili provocando valanghe" Ammette Levan Tielidze. Di solito sono gli scienziati a parlare delle possibili conseguenze della rivoluzione climatica, ma la tragedia avvenuta in Italia ha scosso l'opinione pubblica mondiale. Gli scienziati ritengono che il problema debba essere affrontato ora, altrimenti si faranno sentire le dure conseguenze del cambiamento climatico.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Marmolada, un soccorritore a Euronews: "Mai visto niente di simile"

Mario Tozzi: "Bisogna avere rispetto della montagna. Clima, nessuno prende provvedimenti"

Marmolada, il glaciologo Frezzotti: "crolli del genere saranno sempre più frequenti"