This content is not available in your region

Marmolada, un soccorritore a Euronews: "Mai visto niente di simile"

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Il bilancio totale dell'incidente della Marmolada registra 11 vittime
Il bilancio totale dell'incidente della Marmolada registra 11 vittime   -   Diritti d'autore  AP Photo

Il bilancio dell'incidente della Marmolada è ormai definitivo: 11 vittime, tra corpi ritrovati e dispersi.  Ma si cercano ancora reperti tecnici, ovvero le attrezzature e gli effetti personali degli alpinisti e le spoglie di chi ha perso la vita, da restituire ai famigliari, come racconta a Euronews Paolo Borgonovo, ispettore del centro di addestramento alpino della polizia di Moena ed è direttamente coinvolto nelle difficili operazioni di ricerca dei superstiti.

"È giusto che questi copri vadano recuperati dalla montagna". Nella sua esperienza di soccorritore e guida alpina, dice, non gli è mai capitato di vedere "nulla di simile". 

Il ritiro del ghiacciaio

Ma se il crollo di un singolo seracco di ghiaccio è difficile da prevedere, nel complesso le montagne italiane mostrano una fragilità crescente a causa dell'innalzamento delle temperature. Una tendenza evidenziata dalle misurazioni scientifiche, ma anche dalle testimonianze di chi, come queste vette le conosce bene.

"Ho cominciato a salire la Marmolada negli anni '80 e lo accio ancora adesso", dice Borgonovo. "Quando si saliva negli anni '80 si incontrava un ghiacciaio ricoperto di neve. Ora c'è soltanto una lastra di ghiaccio: il ghiacciiaio si è ritirato, sia in lunghezza che in spessore".

Ma questo spiega, non è un fenomeno che interessa solo la Marmolada. "Succede dappertutto sulle Alpi e anche nei più grandi ghiacciai delle catene montuose di tutto il mondo".

Dopo la tragedia, dunque, è il momento della riflessione. Come ha affermato il presidente del Consiglio Mario Draghi a Canazei all'indomani dell'accaduto, "questo dramma dipende certamente anche dal deterioramento della situazione climatica". A lui e ai suoi omologhi stranieri spetta il compito di prendere provvedimenti per evitarne altri in futuro.