This content is not available in your region

Il sindaco Klitchko a Euronews: "Mosca non ha rinunciato a Kiev. Ancora pericolo nella capitale"

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Il sindaco di Kiev Vitali Klitchko
Il sindaco di Kiev Vitali Klitchko   -   Diritti d'autore  Euronews

A Kiev la popolazione tenta un difficile ritorno alla normalità, anche se i missili russi continuano a colpire la capitale - l'ultimo lunedì, diretto su infrastrutture militari in periferia. In centro, alcuni negozi e teatri hanno riaperto. Uno spettacolo per bambini è tutto esaurito. Per la prima volta dall'inizio della guerra, gli ucraini provano a distogliere la mente dal conflitto.

Euronews ha intervistato il sindaco della capitale ucraina, Vitali Klitchko.

Qual è la situazione a Kiev in questo momento, la capitale ucraina sta tornando alla vita normale?

"Sì, lentamente stiamo tornando alla normalità, se così si può dire. Sempre più persone tornano a casa. Essere accolti è bello, ma stare a casa propria è meglio. Anche se ci sono ancora sparatorie, la città si sta ripopolando. Ma il mio ruolo di sindaco mi impone di avvertire la nostra gente di non avere fretta. A Kiev c'è ancora il coprifuoco, ci sono posti di blocco ovunque. Diverse strade sono ancora minate. Gli incidenti sono all'ordine del giorno, ogni volta che qualcuno tocca uno di questi ordigni rimasti dopo gli attacchi".

Si aspetta che le forze russe possano tentare un nuovo assalto alla città?

"Non lo escludiamo. Non è un segreto che Kyiv è sempre stata uno degli obiettivi degli aggressori. Per l'esercito russo la presa della capitale è da sempre prioritaria. Non ci sono riusciti al primo attacco, ma non hanno rinunciato al questo obiettivo. Credo che tutto dipenda dal loro desiderio di conquistare la nostra capitale".

Le ultime notizie dal fronte

Prosegue l'attacco lungo un fronte di 480 chilometri in Ucraina orientale - da Kharkiv fino a Kherson e Mykolaiv passando per Lugansk e Donetsk - come parte della grande offensiva di quella che viene definita "una nuova fase dell'operazione militare speciale" da Mosca.

Lo Stato maggiore di Kiev afferma che le forze russe stanno concentrando i loro sforzi per prendere il pieno controllo della regione del Donbass, a est del Paese.

L'armata di Mosca ha cercato di sfondare le difese dell'Ucraina lungo quasi tutta la linea del fronte - ha detto il portavoce Oleksandr Shtupun.

Finora le truppe di Mosca sono riuscite a passare solo attraverso due aree: la città orientale di Kreminna di cui hanno preso il controllo e un altro piccolo centro, secondo l'amministratore militare regionale del Lugansk, Sergiy Gaidai.

Lo Stato maggiore ucraino ha riferito che i russi hanno iniziato a intensificare l'assalto su larga scala ieri concentrandosi sulle regioni del Donbass di Donetsk e Lugansk, con le forze che cercano di avanzare in diverse aree, anche dalla vicina regione di Kharkiv. Inoltre bombardamenti continui proseguono su Mariupol.