This content is not available in your region

Stati Uniti e alleati: "Più armi e sostegno economico all'Ucraina"

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Armi all'Ucraina
Armi all'Ucraina   -   Diritti d'autore  Mauricio Campino/AP

È una spirale che non può avere fine se non con il cessate il fuoco. Ma la nuova offensiva della Russia in Ucraina orientale va nella direzione opposta e ha convinto Stati Uniti e alleati a inviare più armi per aiutare il Paese a difendersi.

Joe Biden ha concordato con i partner europei, della Nato e del G-7 di aumentare il sostegno economico a Kiev.
Il Pentagono ha anche confermato l'invio all'Ucraina di aerei da combattimento e relativi pezzi di ricambio.

MANDEL NGAN/AFP or licensors
Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden lascia l'Air Force One all'arrivo alla Andrews Air Force Base nel Maryland il 19 aprile 2022MANDEL NGAN/AFP or licensors

La Germania, spesso accusata di una posizione morbida nei confronti della Russia, ha annunciato che continuerà a consentire le consegne di armi all'Ucraina.

Secondo il cancelliere tedesco Olaf Scholz, i leader del G-7 sono d'accordo sul fatto che una pace imposta dal presidente russo Vladimir Putin sarebbe inaccettabile e che "la Russia non può vincere questa guerra".

Le nostre azioni sono guidate da questi principi: massimo sostegno all'Ucraina, ma nessun coinvolgimento della Nato nella guerra
Olaf Scholz
Cancelliere tedesco

Nel suo ultimo discorso, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha lanciato ancora una volta un appello ai leader occidentali: "Con le vostre armi per difenderci, questa guerra sarebbe già finita.Avremmo ristabilito la pace e liberato il nostro territorio dagli occupanti perché la superiorità dell'esercito ucraino è abbastanza evidente".

I partner occidentali hanno ribadito l'intenzione di inasprire le sanzioni contro la Russia e aumentare l'assistenza finanziaria e di sicurezza per l'Ucraina". 

La Russia, da parte sua, ha ordinato a 31 diplomatici olandesi, belgi e austriaci di lasciare il Paese dopo che Olanda, Belgio e Austria hanno annunciato l'espulsione di alcuni diplomatici russi.