This content is not available in your region

Kiev: discesa nella pancia dell'hotel diventata rifugio antiaereo

Access to the comments Commenti
Di Valerie Gauriat
euronews_icons_loading
Kiev: discesa nella pancia dell'hotel diventata rifugio antiaereo
Diritti d'autore  Evgeniy Maloletka/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved

La nostra inviata a Kiev Valerie Gauriat sente le sirene risuonare nella notte e corre sotto terra, nel rifugio dell'hotel in cui alloggia. Non c'è nessuno: "l'allerta non ha davvero preoccupato nessuno, questo è il rifugio dell'hotel in cui mi trovo per i giornalisti che alloggiano qui, e tutto il personale; in realtà il personale oggi mi ha detto che se scendessero al rifugio ogni volta che c'è un allarme, trascorrerebbero il loro tempo qui e invece hanno del lavoro da fare", racconta.

Non ci si preoccupa più "a meno che non accada qualcosa di veramente serio e finora non è successo". Due giovani che lavorano alla reception, uno di 18 anni non crede che le truppe russe alla fine invadranno la capitale ucraina. Tuttavia, se succedesse lui sarebbe pronto a prendere le armi. Non vuole dover uccidere nessuno, e non sembra proprio il tipo che ucciderebbe qualcuno. Ma voleva difendere le sue truppe se necessario. L'intera popolazione farebbe lo stesso, ne è convinto. D'altronde pochi giorni fa il governo aveva organizzato la distribuzione di armi leggere ai civili, e l'operazione ha avuto un tale successo che non sono rimaste.

La situazione a Kiev è stata calma nelle ultime ore. Il problema è che nessuno sa quanto può durare.