This content is not available in your region

Francia, al vaglio la tessera vaccinale per sostituire il green pass

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Il ministro della salute francese Olivier Véran
Il ministro della salute francese Olivier Véran   -   Diritti d'autore  AFP

Una lunga notte di dibattito all'Assemblea Nazionale francese. All'esame un progetto di legge per trasformare il pass sanitario in una tessera di vaccinazione. Sul tavolo ci sono più di 650 emendamenti.

Finora per le attività non essenziali bastava esibire un green pass, ottenuto non necessariamente con un ciclo vaccinale completo ma anche con una guarigione certificata o con un tampone. Ma i dati suggeriscono un giro di vite.

Il dibattito

Il ministro della salute Olivier Véran punta sulla responsabilità e sulla salvaguardia della tenuta ospedaliera:

"L'obiettivo di questa legge non è quello di limitare le libertà individuali e collettive dei francesi. L'obiettivo di questa legge è di salvare delle vite, è di proteggere i nostri ospedali, di alleggerire il carico di lavoro dei nostri operatori. "

Per l'opposizione - Jean-Luc Mélenchon - si tratta invece proprio di una limitazione della libertà individuale al limite della delazione:

"D'ora in poi, qui ci sono controlli ovunque, su delega degli ufficiali di polizia giudiziaria . E ora le persone che servono nei bar e nei ristoranti controlleranno l'identità. Ma in che tipo di mondo vivremo alla fine? Tutti controlleranno tutti gli altri! Questa è una società totalitaria".

In seconda battuta il progetto passerà al vaglio del Senato tra mercoledi e giovedì, per entrare eventualmente in vigore il 15 gennaio.

Nel frattempo il governo ha rinnovato le regole di quarantena per i contagiati e cerca di tamponare le carenze di manodopera negli ospedali, nelle scuole puntando sul telelavoro nelle aziende e sull'uso di maschere anche nei luoghi aperti.

La preoccupazione delle autorità è di monitorare l'evoluzione della contaminazione per evitare una moltiplicazione delle interruzioni del lavoro che potrebbe portare alla paralisi del paese.