This content is not available in your region

Vaccini e mascherine contro l'ondata di Omicron in tutto il mondo

Access to the comments Commenti
Di euronews e ANSA
euronews_icons_loading
Vaccini e mascherine contro l'ondata di Omicron in tutto il mondo
Diritti d'autore  رويترز

Si procede con  vaccini, con le mascherine per tutti e il relativo distanziamento sociale: sono queste le misure che in buona parte del mondo vengono adottate per affrontare la diffusiva ondata Omicron.

La Francia

Il capodanno in pandemia ha fatto implementare al governo francese le misure anti-Covid. Adesso tutti devono indossare la mascherina anche all'aperto. L'uso della mascherina era già obbligatorio all'interno di negozi, strutture pubbliche, uffici e trasporti pubblici in tutto il paese. La Francia ha esteso l'obbligo della mascherina sui bus e nei luoghi pubblici anche ai bambini a partire dai 6 anni. Lo stabilisce un decreto pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale d'oltralpe. La misura - riportano i siti francesi - scatterà da lunedì 3 gennaio e riguarderà i trasporti pubblici, i luoghi aperti al pubblico compresi i ristoranti, i centri sportivi e quelli di culto. La decisione arriva a pochi giorni dalla riapertura delle scuole dopo le Festività.

Austria

In Austria sono stati annullati i festeggiamenti per il capodanno. L'orario di chiusura dei ristoranti è stato anticipato alle 22:00 e sono stati fatti severi controlli. A metà della prossima settimana il governo deciderà se inasprire o meno le regole già molto rigide come quelle che hanno investito i non vaccinati.

Israele

In Israele è stata approvata la quarta dose di vaccino per le persone vulnerabili questo nel pieno dell'ondata di nuovi casi che risalgono alla variante Omicron. Intanto proprio in Israele è arrivato il primo carico di pillole anti-Covid della Pfizer. Dall'inizio della pandemia in Israele ci sono stati 8.243 decessi per complicanze legate al Covid-19.

Giacarta

A Giacarta le autorità hanno limitato l'accesso alle strade principali in diversi settori e municipi e si preparano a restrizioni ancora maggiori per contrastare la diffusione del virus con la riduzione del movimento dei cittadini in pandemia.