This content is not available in your region

Belgio, riaprono i cinema dopo una battaglia legale

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Belgio, riaprono i cinema dopo una battaglia legale
Diritti d'autore  AP

Con l'esasperazione da Covid arrivano anche le prime battaglie legali. In Belgio la gente si è rimessa in coda davanti a cinema e teatri : le autorità sono state costrette ad annullare i divieti permettendo la riapertura dei luoghi di cultura. Per il Consiglio di Stato le misureintrodotte non erano proporzionate.

Esulta Peggy Fol, direttrice del cinema Vendome:

"Siamo entusiasti di aver resistito e di aver vinto la lotta che abbiamo intrapreso. L'abbiamo fatto perché eravamo disgustati che colpissero la cultura in quel modo, e non ci sembrava di mettere a rischio i nostri spettatori, quindi siamo davvero felici di essere autorizzati ad aprire legalmente".

Dopo una settimana di chiusura , per frenare la diffusione di Omicron, i luoghi di cultura possono ora ospitare un massimo di 200 persone, a seconda delle dimensioni della sala. Resta inteso che mascherine e greenpass non sono in discussione.

Anneleen Van Troos, portavoce del gruppo cinematografico Kinepolis:

"Abbiamo ritenuto che questa fosse una decisione ingiusta, quindi naturalmente siamo contenti che sia stata rettificata. D'altra parte, gli ultimi giorni sono stati, ovviamente, una vera e propria montagna russa. Non è che puoi semplicemente riaccendere le luci e aprire le porte, ci vuole una certa preparazione".

Domenica, i lavoratori del settore cultura si sono riuniti per protestare sottolineare il trattamento iniquo rispetto a bar e ristoranti che continuano a lavorare nonostante i dati allarmanti dei contagi. Il governo è stato cosi costretto a fare marcia indietro nonostante il paese stia facendo i conti con una quarta ondata che ha messo a dura prova gli ospedali.