This content is not available in your region

La resilienza del cinema europeo

Access to the comments Commenti
Di Frédéric Ponsard  & Euronews
euronews_icons_loading
La resilienza del cinema europeo
Diritti d'autore  euronews

L'industria cinematografica europea è stata colpita da due anni a questa parte dalla pandemia, ma ha saputo resistere e organizzarsi grazie soprattutto alle sue modalità di produzione e alla sua grande originalità. Film britannici, danesi, bosniaci, francesi e rumoeni hanno vinto numerosi premi internazionali e hanno brillato sul piccolo e sul grande schermo.

Per esempio il grande vincitore degli European Film Awards 2020, Another Round del danese Thomas Vinterberg, ha vinto anche l'Oscar per il miglior lungometraggio internazionale all'inizio del 2021.

A febbraio, la Berlinale si è svolta in ibrido, causa Covid, con una giuria composta da registi europei premiati con un Orso d'oro.

E il rumeno Radu Jude ha vinto il premio più prestigioso per una commedia un po' folle in tempo di pandemia con una coproduzione che riunisce 4 paesi europei.

A Cannes, in luglio, Europe Creative era presente per ricordare l'importanza del sostegno della Commissione alle coproduzioni europee.

La rappresentante di Europe Creative Margaux Lacoste a Cannes ha commentato così: "È molto importante per Creative Europe Media essere presente dopo questo anno di pandemia, anche perché stiamo lanciando questo nuovo programma con un nuovo budget incrementato per il 2021-2027".

Sono diversi i film premiati sostenuti dall'Europa: Palma d'oro, Titane, e il Grand Prix du Jury

Compartiment N°6 è una coproduzione tra 3 paesi europei e la Russia.

Ne ha parlato Juho Kuosmanen, il regista:

"Questa è la prima coproduzione minore dalla Russia, quindi abbiamo girato il film dall'inizio alla fine in Russia tra San Pietroburgo e Murmansk".

L'Accademia del cinema europeo riunisce 4200 professionisti del cinema europeo. Quo Vadis, Aida, The Father, Flee... I principali film in corsa o premiati a Berlino dall'Accademia alla fine dell'anno sono per lo più coproduzioni europee.

Matthijs Wouter Knol, CEO e direttore dell'Accademia Europea del Cinema analizza il momento:

"In Europa, naturalmente, abbiamo un sistema molto forte quando si tratta di finanziamenti pubblici, che non sparisce all'improvviso. Vediamo che da un paio d'anni, ovviamente, nuovi 'attori' stanno davvero mescolando il processo finanziario di produzione cinematografica , ma anche i contenuti e la scelta della storia. Questo processo è stato in effetti accelerato solo negli ultimi due anni della pandemia".

Per 'nuovi attori' intende naturalmente riferirsi alle nuove piattaforme che producono serie TV e lungometraggi di grandi registi europei, come Paolo Sorentino per il suo ultimo film, La mano di Dio, visibile sul piccolo schermo proprio quest' inverno.