This content is not available in your region

Slovenia, tensioni con la comunità rom: segnalati furti e atti di vandalismo

Access to the comments Commenti
Di Johannes Pleschberger  & Euronews
euronews_icons_loading
Campo rom in Slovenia
Campo rom in Slovenia   -   Diritti d'autore  Euronews

Baracche, vie non asfaltate, rifiuti abbandonati sul ciglio delle strade. Ma non è solo il degrado urbano a preoccupare gli sloveni che abitano nei pressi delle comunità rom.
Sono sempre più frequenti le segnalazioni di furti e atti di vandalismo alla Polizia che sta intensificando i controlli nei campi con l'aiuto di unità a cavallo e di agenti della polizia rom.

Brigita Brajdič, residente dell'insediamento Dobruška vas, respinge le accuse di furto: "Non lo so, la nostra famiglia non ruba, ma non sono responsabile per gli altri", dice.

Slovenia, cattiva fama per i rom

Residenti e imprenditori della zona industriale Dobruška vas di Škocjan hanno sollecitato le autorità a ristabilire l'ordine.

Anche il sindaco di Škocjan, Jože Kapler, ha chiesto al governo di agire: "I rom danneggiano le proprietà altrui, tagliano pneumatici, rubano nei campi coltivati, fanno fuochi all'aperto e c'è molto rumore di disturbo negli insediamenti. In effetti, è difficile per loro trovare lavoro, ma se lo Stato creasse qualche impresa sociale per loro, ci sarebbe un progresso visibile".

Amnesty International stima che in Slovenia vivano 11.000 rom, la maggior parte dei quali in insediamenti isolati o in baracche.

Sette anni fa, una famiglia rom dell'insediamento di Dobruška vas ha denunciato alla Corte europea dei diritti dell'uomo la mancanza di accesso all'acqua.

"Il sindaco ci ha fornito l'acqua. Ma abbiamo anche bisogno di elettricità" spiega Vesna Brajdič, un'altra residente dell'insediamento di Dobruška vas.

Niente benefici a chi non manda i figli a scuola

In Europa, la metà dei bambini e dei giovani rom non è scolarizzata.

Secondo le autorità, poche ragazze rom frequentano la scuola superiore e il numero di gravidanze adolescenziali è elevato.

Per convincere i genitori rom del valore dell'istruzione, il ministero dell'Interno sloveno prevede di tagliare i benefici sociali per coloro che non rispettano l'obbligo scolastico. 

"Vogliamo cambiare la legge affinché i genitori perdano questi soldi se i loro figli non vanno a scuola", spiega il segretario di Stato al ministero dell'Interno, Franc Kangler.

Secondo un rapporto dell'Unione europea, gli adolescenti rom che non vanno a scuola possono essere facilmente reclutati dalla criminalità e diventare manovalanza per piccoli o grandi reati.