EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

L'Organizzazione mondiale della Sanità tuona: "Un'altra tempesta in arrivo"

AP Phoho
AP Phoho Diritti d'autore Zoltan Mathe/MTVA - Media Service Support and Asset Management Fund
Diritti d'autore Zoltan Mathe/MTVA - Media Service Support and Asset Management Fund
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Parole di Hans Kluge, direttore regionale dell'OMS per l'Europa, che ha esortato i governi a prepararsi ad un "aumento significativo" dei casi di coronavirus in tutto il continente

PUBBLICITÀ

"Possiamo vedere un'altra tempesta in arrivo": parole di Hans Kluge, direttore regionale dell'OMS per l'Europa.

L'alto funzionario ha esortato i governi a prepararsi per un "aumento significativo" dei casi di coronavirus in tutto il continente a causa della variante Omicron, già dominante in diversi Paesi.

"I numeri raddoppiano ogni tre giorni - dice Kluge - generando tassi di trasmissione mai visti prima.

In poche settimane, Omicron dominerà in più Paesi, con la minaccia di spingere ulteriormente sul baratro i sistemi sanitari già sopraffatti".

Eraldo Peres/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
AP PhotoEraldo Peres/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved

Il Portogallo ha chiuso bar e discoteche, reintroducendo il lavoro da casa dal 25 dicembre sino ad almeno il 9 gennaio.

Previsto il coprifuoco in Catalogna che, in attesa di approvazione, dovrebbe entrare in vigore il 24 dicembre.

In Francia, invece, le vacanze scolastiche potrebbero essere prolungate come "ultima risorsa": il 27 dicembre si terrà un consiglio "eccezionale" dei ministri transalpini per accelerare l'attuazione del green pass vaccinale, che dovrebbe essere adottato a partire dal 15 gennaio.

La Germania è pronta a preservare il Natale, reimponendo regole più severe prima del nuovo anno, specie per quanto attiene ai contatti sociali.

Il cancelliere, Olaf Scholz, ha incontrato i 16 capi delle regioni del Paese.

In controtendenza il Regno Unito, che esclude ulteriori restrizioni.

"Oggi non pensiamo ci siano prove sufficienti per giustificare misure più severe prima di Natale", dice Boris Johnson, primo ministro del Paese.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Covid, la corsa ai booster che non piace all'Oms

Capodanno in Grecia? Sì, ma con il tampone

Omikron in Germania, superata la soglia critica