This content is not available in your region

Von der Leyen e Stoltenberg in Lituania e Lettonia

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Von der Leyen e Stoltenberg in Lituania e Lettonia
Diritti d'autore  Mindaugas Kulbis/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.

La sicurezza e la crisi migratoria al confine con la Bielorussia sono state al centro della visita in Lituania e Lettonia della presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e del segretario generale della Nato Jens Stoltenberg.

Von der Leyen ha espresso solidarietà alla Lituania per le azioni del regime di Minsk: "La Lituania ha risposto a questo attacco ibrido in modo umano e deciso e l'Unione europea continua a stare al suo fianco. Questo include supporto per gestire efficacemente il confine e stretta collaborazione con le nostre agenzie europee Frontex, Easo ed Europol. La Lituania sta già beneficiando di 37 milioni di euro per assistenza d’emergenza, ma come ho annunciato all'inizio di questa settimana stiamo triplicando i fondi dell'Unione europeaper la gestione delle frontiere per la Lituania, la Polonia e la Lettonia per un totale di 200 milioni di euro complessivi tra questo e il prossimo anno".

I fondi saranno usati per attrezzature quali droni e veicoli di pattuglia per sorvegliare i confini con la Bielorussia che i migranti cercano di attraversare per entrare in Europa.

“Ovviamente anche la Nato ha condannato fermamente le azioni del regime di Lukashenko. E negli ultimi anni abbiamo notevolmente incrementato la nostra presenza in questa regione. Per la prima volta nella nostra storia, abbiamo gruppi tattici pronti a combattere nella regione baltica, compreso uno in Lettonia e uno in Lituania", ha detto dal canto suo il segretario generale della Nato.

Negli ultimi mesi migliaia di migranti, soprattutto del Medio Oriente, hanno attraversato o cercato di attraversare il confine tra la Bielorussia e i membri orientail dell’Unione europea e della Nato. Il leader bielorusso Lukashenko ha detto di non aver mai promosso apertamente l’arrivo dei migranti nel suo Paese, ma che non impedirà loro l’attraversamento delle frontiere.