ULTIM'ORA
This content is not available in your region

La trasformazione di Chernobyl. Un nuovo sito di stoccaggio

Access to the comments Commenti
Di euronews
euronews_icons_loading
La trasformazione di Chernobyl. Un nuovo sito di stoccaggio
Diritti d'autore  SERGEI SUPINSKY/AFP
Dimensioni di testo Aa Aa

C’è chi lo ritiene già il futuro nel settore dell'energia nucleare in Ucraina. Siamo a Chernobyl dove è stato aperto un nuovo sito di stoccaggio. Un impianto centralizzato che recupera liquidi altamente attivi dai serbatoi di stoccaggio attuali, li trasforma in uno stato solido e li sposta in contenitori per lo stoccaggio a lungo termine.

Come ci spiega Volodymyr Holosha ingegnere e vice capo del progetto ATOM quando arriva il combustibile nucleare usato questo viene sigillato in un altro contenitore e spostato nel luogo di stoccaggio. Dopodiché dobbiamo solo controllare le condizioni di stoccaggio".

Dei tir e un treno speciale appositamente costruito trasporterà i gruppi di combustibile nucleare esaurito all'impianto ISF-2 dove saranno tagliati, confezionati in contenitori a doppia parete nell'impianto di lavorazione appositamente progettato e, infine, trasferiti al deposito in loco di nuova costruzione. Tutto il mondo sicuro e veloce, come assicura questo addetto ai trasporti. Anche i tir hanno una velocità standard per evitare sobbalzi e problemi di sicurezza.

Un totale di 232 contenitori a doppia parete saranno conservati e monitorati in modo sicuro per un minimo di 100 anni nei singoli moduli in calcestruzzo. L'Interim Storage Facility-2 è costato 400 milioni di euro.

Il trattamento e lo stoccaggio sicuro dei combustibili nucleari esauriti a Chernobyl è uno dei compiti chiave che sono rimasti nel sito. Dopo l'incidente del 1986 che ha distrutto il reattore 4, sono stati rimossi gli oltre 21.000 gruppi di combustibile utilizzati nei reattori di tipo RMBK 1, 2 e 3.