ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Cosa si sta facendo, in USA ed Europa, per vaccinare migranti e senzatetto

Access to the comments Commenti
Di Juan Carlos De Santos Pascual
centro di vaccinazione per migranti a Parigi
centro di vaccinazione per migranti a Parigi   -   Diritti d'autore  AP Photo
Dimensioni di testo Aa Aa

Non c'è bisogno di arriva in Africa per apprezzare la disparità di accesso alla vaccinazione.

Basta guardare alle strategie di vaccinazione messe in campo negli ultimi mesi dai paesi più sviluppati per vedere che lungo il percorso sono rimasti i gruppi più invisibili e vulnerabili, come la popolazione migrante senza documenti.

Abbiamo cercato di fare un excursus in alcuni dei paesi che hanno il più alto tasso di vaccinazione nel mondo, per vedere come si stanno prendendo cura della popolazione 'invisibile' per le amministrazioni.

Spagna

La Spagna è uno dei leader nella classifica mondiale delle vaccinazioni. Tuttavia, per la popolazione migrante vulnerabile, i vaccini stanno arrivando in ritardo. Pedro Campuzano Cuadrado, referente sanitario dei programmi statali di Médicos del Mundo, sottolinea: “È tardi perché i gruppi vulnerabili erano già più esposti, cioè avrebbero dovuto essere un gruppo prioritario. Sono persone che mediamente vivono con molti più coinquilini in una stessa casa. Trovano più difficile mantenere misure di prevenzione o confinamento o sul posto di lavoro. Pensiamo, ad esempio, alle donne in situazione di prostituzione. È stato dimostrato che in generale esiste una disuguaglianza nei risultati sanitari che ha a che fare con questi indicatori di esclusione sociale o indicatori socioeconomici”.

A livello normativo, si è dovuta attendere la fine di giugno 2021, quando il consiglio interterritoriale del sistema sanitario nazionale ha aggiornato la propria strategia vaccinale per fare espliciti riferimenti ai determinanti socioeconomici e alla popolazione in esclusione o vulnerabile per facilitare la vaccinazione.

"Non è vero che in precedenza la popolazione vulnerabile non fosse stata vaccinata, quello che succede è che non era inclusa in quel quadro comune" , afferma Campuzano.

Secondo il referente sanitario dei programmi statali di Médicos del Mundo in Spagna, ci sono stati due problemi: "Uno è quello che ha a che fare con l'accesso al sistema sanitario pubblico, cioè ci sono persone che, nonostante la nuove normative, ancora non hanno la tessera sanitaria né l'accesso ai sistemi sanitari pubblici e quindi non sono comparse in nessun registro» . Altre sono le barriere dell'individuo a seconda dei casi: "Come la lingua, o il fatto non avere un telefono cellulare o il problema della distanza e del luogo di residenza, le persone che vivono in insediamenti che non sanno dove devono andare, a quale centro sanitario ed è difficile viaggiare " , afferma Pedro Campuzano.

Per risolvere il problema, le ONG e le amministrazioni hanno mantenuto contatti per realizzare sistemi di identificazione per queste persone e affinché possano accedere ai diversi punti di vaccinazione. “Per superare questa barriera, in alcune comunità sono state predisposte linee telefoniche che le persone prive di tessera sanitaria possono chiamare, per iscriversi all'anagrafe o richiedere un appuntamento. In altri centri regionali, le persone potrebbero iscriversi a questo registro presso i centri sanitari e, infine, i ministeri hanno chiesto anche a noi e ad altre Ong di compilare elenchi di persone che serviamo e che vorrebbero fornire i propri dati per essere in questo registro e potersi vaccinare” , indica Campuzano.

In tal senso, Medicos del Mundo si è mossa sia avvicinando i punti di vaccinazione agli spazi dove sarebbe possibile farli vaccinare. Come, ad esempio, negli insediamenti informali di Almería, dove i lavoratori stagionali accompagnano informalmente le persone al loro centro sanitario o al centro di vaccinazione di massa.

"Sebbene tu possa registrarti in un centro sanitario per essere vaccinato - spiega Campuzano - molte volte il personale di uno specifico centro sanitario non è a conoscenza di questo protocollo e pone degli ostacoli alla persona che richiede di venire immunizzata. Quello che fa Medicos del Mundo, tra le altre cose, è cercare di aggirare le barriere che sono postieda problemi amministrativi o dall'ignoranza degli stessi professionisti dell'amministrazione "

Il vaccino preferito da somministrare a questo tipo di popolazione è Janssen: “In alcuni casi, come per i senzatetto o le persone che vivono in insediamenti, dove è molto difficile fare il successivo follow-up, si raccomanda questo tipo di vaccino "

Francia

"È urgente che le autorità sanitarie liberino più risorse finanziarie e umane per garantire la vaccinazione di queste persone", ha affermato Medici senza frontiere Francia in una nota. A seguito degli annunci del presidente francese del 12 luglio, si è registrato un forte aumento della domanda di vaccini nelle varie sedi dell'associazione.

La Francia ha proposto di vaccinare tutti i rifugiati e richiedenti asilo ospitati nei centri di accoglienza questo agosto e affronta questo obiettivo scontando il peso della burocrazia e le difficoltà poste da barriere linguistiche e situazioni di forte precarietà.

Dall'8 luglio, MSF ha vaccinato 4.000 persone nelle sue strutture, sparse in varie parti della capitale e dei suoi dintorni, dove si vaccinano anche i lavoratori migranti privi di documenti.

Michel Euler/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
luglio 2021: vaccinazione in una tenda allestita da Medici Senza Frontiere per migranti, i senzatetto e persone in condizioni di fragilitàMichel Euler/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved

I social network, come Facebook, Instagram e Tik Tok, vengono utilizzati anche come strumento per diffondere l'importanza delle vaccinazioni tra i più vulnerabili, come ha fatto la Croce Rossa, altra istituzione che ha aderito a questo piano.

"Ci sono ancora molte incertezze sull'accesso a centri di accoglienza di emergenza, strutture mediche e sociali o centri diurni" spiega Corinne Torre, capo missione di MSF in Francia. "Per alcune persone, andare in un internet café è un mezzo essenziale per accedere a una connessione, sbrigare incombenze online o ricaricare un telefono: e senza il 'pass sanitario' presto non sarà più possibile".

“Per evitare che l'introduzione della tessera sanitaria diventi una doppia sanzione che accentui l'esclusione e l'impotenza dei più vulnerabili a causa del mancato accesso alla vaccinazione contro il Covid-19, è fondamentale che le autorità sanitarie creino nuove risorse per aumentare le iniziative di vaccinazione progettate specificamente per questo gruppo", afferma Torre. "Dobbiamo sviluppare consapevolezza, informazione e orientamento, accompagnati quando necessario da servizi di traduzione, per accelerare la vaccinazione delle persone in situazione precaria che desiderano essere vaccinate e corrono il rischio di essere escluse le nuove misure sanitarie”

Il governo francese non fornisce cifre esatte su questo gruppo e sulla sua copertura vaccinale, sebbene questo martedì abbia annunciato che nelle prossime settimane i servizi medici delle delegazioni territoriali dell'Ufficio francese per l'immigrazione e l'integrazione (OFII) saranno autorizzati come centri di immunizzazione .

Il "numero due" del ministero dell'Interno, Marlène Schiappa, ha esortato le agenzie sanitarie regionali ad "accelerare" la campagna di vaccinazione di coloro che sono ospitati nei centri di accoglienza per immigrati, richiedenti asilo e rifugiati.

Stati Uniti

Secondo il Washington Post, il governo degli Stati Uniti sta studiando la vaccinazione di parte dei migranti che attraversano irregolarmente il confine meridionale con il Messico.

La misura riguarderebbe solo quei migranti che si trovano temporaneamente in custodia delle autorità statunitensi e non quelli che vengono immediatamente espulsi ai sensi del cosiddetto Titolo 42, che giustifica l'emergenza sanitaria per tale misura.

Lynne Sladky/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.
aprile 2021: in una clilina gestita da Healthcare Network si vaccinano lavoratori stagionali migrantiLynne Sladky/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.

Il Washington Post, citando due fonti del Department of Homeland Security (DHS), ha scritto che il governo prevede di vaccinare sia i migranti rilasciati negli Stati Uniti sia quelli in attesa di espulsione.

Il vaccino che il governo intende somministrare ai migranti irregolari è quello di Johnson & Johnson, che richiede solo una dose.

L'arrivo di immigrati al confine meridionale degli Stati Uniti è a livelli record e a luglio ne hanno attraversati più di 210.000, cifra mai vista in un solo mese negli ultimi due decenni.

Il governatore del Texas, il repubblicano Greg Abbott, e parte dell'opposizione hanno accusato la gestione dell'immigrazione di Biden di essere responsabile della nuova ondata di infezioni da coronavirus, che sta colpendo in particolare quello stato meridionale.

Germania

In Germania, una recente indagine condotta dal quotidiano tedesco Tagesspiegel ha riveltato che in 15 dei 16 Länder tedeschi ci sarebbero gravi carenze nell'accesso ai vaccini per le persone senza uno status di residenza ufficiale.

Secondo il portavoce di Medici del mondo in Germania, Stephanie Kirchner, dall'inizio della campagna di vaccinazione, l'ONG si è concentrata sull'accesso ai vaccini per i gruppi particolarmente vulnerabili, compresi gli immigrati privi di documenti.

Sebbene in Germania ogni persona senza documenti abbia in teoria il diritto di essere vaccinata, "spesso tale diritto non può esercitarlo", sottolinea Kirchner. “Molti hanno paura di recarsi nei centri vaccinali perché normalmente richiedono un documento di identità. Inoltre, i centri di vaccinazione sono spesso di difficile accesso e c'è una grande presenza di sicurezza, che può essere un deterrente per le persone che temono di essere espulse", afferma la portavoce di Medici del mondo in Germania.

"Gli immigrati senza residenza ufficiale hanno spesso paura di andare anche alle consuete visite mediche per paura che i loro dati vengano trasmessi all'autorità di registrazione degli stranieri e, di conseguenza, vengano espulsi", aggiunge.

Sebbene ci siano state iniziative individuali e regionali per facilitare l'accesso ai vaccini per gli immigrati privi di documenti e altri gruppi vulnerabili, non esiste una strategia globale. Medici del mondo in Germania ha cercato di contribuire a colmare questa lacuna effettuando vaccinazioni nei suoi centri di cura per le persone che non hanno accesso al sistema sanitario ordinario. "Attualmente stiamo conducendo una campagna per porre fine all'attuale obbligo dei servizi sociali di trasmettere informazioni personali all'autorità di registrazione degli stranieri quando gli immigrati privi di documenti richiedono la copertura dei costi per le cure mediche", afferma Kirchner.

Italia

L'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) ha pubblicato linee guida che chiariscono come le persone senza documenti abbiano diritto ai vaccini COVID-19. Tuttavia, le piattaforme di prenotazione dei vaccini online - gestite separatamente da ciascuna regione italiana - nella maggior parte dei casi continuano a richiedere informazioni e documenti che non sono disponibili per la maggior parte degli immigrati e delle persone senza fissa dimora.

"In alcune regioni, ad esempio, gli utenti devono inserire il codice fiscale, disponibile solo per le quanti risiedono regolarmente" spiega Francesca Amerio, portavoce di Medici del Mondo in Italia, parte di una coalizione di ONG che sostiene l'accesso all'assistenza sanitaria per gli immigrati in Italia.

Secondo Amerio, “l'ONG ha scritto più volte al ministero della Salute (l'ultima lettera è stata inviata il 29 luglio) per chiedere istruzioni chiare alle regioni per l'apertura delle loro piattaforme di prenotazione online e finora non abbiamo ricevuto alcuna risposta da il Governo».

Oltre a queste piattaforme di prenotazione online, ci sono alcune iniziative locali che mirano a raggiungere gli irregolari. Ad esempio, a Roma, l'ASL ha organizzato diversi servizi speciali di vaccinazione.

Medici del Mondo Italia e altre ONG sostengono l'ASL principalmente attraverso mediazioni interculturali. "Queste iniziative, però, dipendono dalla disponibilità di vaccini specifici" , dice Amerio, che fa notare che la maggior parte di esse “si basano sul vaccino Johnson & Johnson, perché richiede una sola dose ed è quindi più facile da somministrare dal punto di vista logistico. Ma quando l'uso di questo vaccino è stato interrotto a causa delle preoccupazioni sui suoi effetti collaterali, anche queste iniziative sono state interrotte di conseguenza. Inoltre, si è trattato di iniziative molto sporadiche. "

In diverse regioni, come Puglia, Campania, Sicilia e Veneto, senzatetto e immigrati irregolari, comunitari ed extracomunitari, possono prenotare le vaccinazioni online (senza esibire codice fiscale). “Più regioni stanno recentemente aprendo le loro piattaforme di prenotazione online a questa popolazione, tra queste quelle del Friuli, Venezia, Giulia e Toscana” , sottolinea Medici del Mondo in Italia.

Regno Unito

Anna Miller, coordinatrice dell'advocacy del Regno Unito per Doctors of the World, avverte che "il NHS (sistema sanitario britannico, ndr) e il governo del Regno Unito devono fare di più per garantire che tutti si sentano in grado di poter accedere al vaccino in modo sicuro e senza timore dell'intervento del Ministero dell'Interno in Paese. "

Gli immigrati nel Regno Unito che hanno un numero di tessera sanitaria sono stati invitati a ricevere un vaccino tramite il loro medico di famiglia o la campagna vaccinale nazionale, maai molti che di tale numero non dispongono hanno dovuto accedere al vaccino attraverso i centri di accoglienza.

Anche così, "alcuni continuano a temere che verrà chiesto loro un documento d'identità, una prova del loro status di immigrazione o una prova di residenza, vanificando le loro possibilità di accedere al vaccino " , aggiunge Miller.

Belgio

Secondo Emmy Deschuttere, portavoce di Doctors of the World Belgio: "La vaccinazione dei senzatetto e degli immigrati privi di documenti in Belgio è gratuita e accessibile presso i centri di vaccinazione federali in tutto il paese e presso i medici di base" . Inoltre, le squadre mobili di sensibilizzazione e vaccinazione si recano nei centri per senzatetto, nelle case occupate e in altri punti caldi per consegnare i vaccini Janssen in una volta sola.

Queste squadre di vaccinazione sono un'iniziativa congiunta di Medici del mondo, Medici senza frontiere e Samur Social. “Doctors of the World offre vaccini anche nei suoi progetti sulla costa belga o nella regione francofona, è membro attivo delle piattaforme di consultazione del governo e ha svolto un ruolo essenziale nello sviluppo di strategie di vaccinazione regionali e federali per le persone. e immigrati privi di documenti” , afferma Deschuttere