ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Festival di Cannes, la Palma d'oro a "Titane" di Julia Ducournau

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Festival di Cannes, la Palma d'oro a "Titane" di Julia Ducournau
Diritti d'autore  Vadim Ghirda/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

La Palma d’oro del Festival di Cannes è andata a sorpresa al film "Titane" della regista francese 37enne Julia Ducournau. Con una gaffe che resterà negli annali della kermesse cinematografica, Spike Lee – presidente della giuria, prevalentemente femminile – ha svelato in anticipo la vincitrice del premio principale, normalmente annunciato per ultimo.

In 74 edizioni, è la seconda volta che una regista donna conquista la Palma d’oro, 23 anni dopo la neozelandese Jane Campion e il suo “Lezioni di piano”.

"Vedi gli altri registi ricevere la Palma d’oro nel corso degli anni, durante l’infanzia, l’adolescenza e persino l’età adulta, e dici a te stesso, che ti piacciano o meno i film, che sono circondati da un’aura di perfezione – ha commentato Ducournau –. Tutti i registi, e 'la' regista che ha ricevuto la Palma prima di me, sicuramente devono aver pensato quello che sto pensando io… e cioè che, in quanto regista, non si può considerare il proprio film perfetto, non è possibile".

"Titane", sua seconda opera, è un racconto potente e brutale di rinascita e trasformazione.

Vianney Le Caer/Invision/AP
Julia Ducourneau con la Palma d'oro per "Titane"Vianney Le Caer/Invision/AP

Quest'anno le donne in lizza per il premio per la migliore interpretazione erano molte ed è stata la norvegese Renate Reinsve a vincere, interprete nel film "The worst person in the world" di Joachim Trier. "Questo premio va a Joachim – ha detto – perché è semplicemente un grande regista, rende coloro che lo circondano persone migliori e ha reso me migliore. Quindi, è tutto merito suo, grazie".

La pellicola, illuminata dalla presenza dell’attrice, racconta la vita sentimentale di Julie in 12 capitoli che alternano divertimento e drama.

Incoronato migliore interprete maschile l'attore texano Caleb Landry Jones per "Nitram", del regista Justin Kurzel. Nella pellicola interpreta un giovane borderline che sta per commettere uno dei peggiori omicidi nella storia dell'Australia .

"I film che mi hanno avvicinato al cinema sono stati per la maggior parte fim europei quindi significa molto per me essere qui e ricevere questo premio", ha dichiarato.

"Film da tutti i continenti sono tra i vincitori di questo Festival di Cannes, che ha il merito di aver celebrato il cinema nonostante la pandemia. Spike Lee e la sua giuria è stato audace nel premiare il film della giovane Julia Decournau. Una scelta storica e che apre nuovi orizzonti per il cinema", ha commentato Frédéric Ponsard, inviato di Euronews a Cannes.

Il Premio della giuria è andato a pari merito ai film "Haberech" di Nadav Lapid e "Memoria"di Apitchapong Weerasethakul mentre la Camera d'oro, premio alla migliore opera prima della selezione, a "Murina", della croata Antoneta Alamat Kusijanovic.

Per chiudere, al film "Drive my car" del regista nipponico Ryusuke Hamaguchi è andato il premio della critica internazionale come il miglior film nella competizione. Nanni Moretti, con il suo "Tre piani" è rimasto a mani vuote.