ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Carota o bastone? Come gli stati europei stanno cercando di accelerare le vaccinazioni

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Parigi, 13 luglio: un'infermiera prepara una dose di vaccino Pfizer
Parigi, 13 luglio: un'infermiera prepara una dose di vaccino Pfizer   -   Diritti d'autore  Michel Euler/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

Mentre i casi di COVID-19 tornano ad aumentare proprio mentre le campagne vaccinali rallentano un po' ovunque, i paesi europei sembrano divisi sulla questione della vaccinazione obbligatoria.

Fino a qualche settimana fa, l'Italia - che a marzo ha reso obbligatoria la vaccinazione per gli operatori sanitari - aveva rappresentato un'eccezione tra i paesi comunitari.

Ma la variante Delta in rapida diffusione ha costretto molti stati europei a un dietrofront.

Questa settimana, anche Francia e Grecia hanno reso obbligatoria l'immunizzazione anti-covid per tutti i lavoratori dei rispettivi sistemi sanitari. Entrambi i paesi hanno anche limitato molte attività quotidiane, consentendole ai soli vaccinati: nel caso della Francia, sono accettati anche un test PCR negativo o una prova di immunità.

Il presidente francese Emmanuel Macron ha inoltre lasciato intendere che il suo governo stava anche considerando di estendere l'obbligo a tutti i francesi.

"A seconda di come evolverà la situazione - ha dichiarato in un discorso alla tv - dovremo senza dubbio porci la questione della vaccinazione obbligatoria per tutti i francesi"

Ma il giorno dopo, la cancelliera tedesca Angela Merkel ha preso la posizione esattamente opposta.

"Non credo che guadagneremmo fiducia cambiando ciò che abbiamo detto, ovvero che non avremmo introdotto la vaccinazione come misura obbligatoria, ma penso che possiamo guadagnare fiducia promuovendo la vaccinazione", ha detto martedì.

Quali paesi europei impongono la vaccinazione per gli operatori sanitari?

L'Italia è stata la prima in Europa a ordinare ai suoi operatori sanitari, compresi i farmacisti, di vaccinarsi attraverso un decreto a marzo. Chi rifiuta rischia la sospensione senza stipendio per il resto dell'anno.

In un discorso televisivo, lo scorso lunedì, il presidente francese Emmanuel Macron ha ordinato a tutti gli operatori sanitari francesi e altro personale in contatto con le popolazioni vulnerabili di vaccinarsi entro il 15 settembre.

Il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis ha annunciato lunedì che, a partire da settembre, gli operatori sanitari del paese saranno sospesi qualora rifiutino di vaccinarsi.

In Gran Bretagna, il ministro della salute Matt Hancock ha dichiarato il mese scorso che gli operatori delle case di cura avranno l'obbligo di vaccinarsi a partire da ottobre.

Altri paesi stanno valutando l'introduzione di misure simili, inclusa la Polonia che potrebbe rendere obbligatoria la vaccinazione per le popolazioni ad alto rischio da agosto.

Dov'è obbligatoria la vaccinazione per poter svolgere attività quotidiane?

"Le forme contemporanee di vaccinazione obbligatoria - scrive l'Organizzazione Mondiale della Sanità in una nota politica - costringono alla vaccinazione con minacce dirette o indirette di imporre restrizioni in caso di non conformità".

Proprio questa sembra essere la direzione presa da diversi Paesi europei negli ultimi giorni.

Mentre la vaccinazione non sarà un obbligo legale per la popolazione francese in generale, chiunque voglia andare al ristorante, al bar o a bordo di un treno avrà bisogno di un pass sanitario a partire da agosto.

"Applicheremo restrizioni a coloro che non sono vaccinati piuttosto che a tutti", ha detto Macron lunedì.

In Grecia, a partire da venerdì e fino alla fine di agosto, solo i clienti vaccinati potranno accedere alle aree commerciali al coperto come bar, cinema e teatri.

In Russia, Mosca ha ordinato ai caffè, bar e ristoranti della città di ammettere solo i clienti che abbiano la prova della vaccinazione, dell'immunità o un test negativo.

Quali sono i problemi sollevati dalla vaccinazione obbligatoria?

La vaccinazione obbligatoria solleva una serie di questioni etiche, secondo l'OMS.

"Poiché le politiche che impongono un'azione o un comportamento interferiscono con la libertà e l'autonomia individuali, dovrebbero cercare di bilanciare il benessere comunitario con le libertà individuali", ha scritto l'ente sanitario delle Nazioni Unite nel suo documento politico di aprile .

L'inoculazione obbligatoria non dovrebbe essere imposta senza considerare i principi di proporzionalità e necessità, ha affermato l'organizzazione.

"Se un tale obiettivo di salute pubblica (ad esempio, l'immunità di gregge, la protezione dei più vulnerabili, la protezione della capacità del sistema sanitario per acuti) può essere raggiunto con interventi politici meno coercitivi o intrusivi, una simile misura non sarebbe eticamente giustificata", si legge nella nota.

Per quanto riguarda la legalità delle vaccinazioni obbligatorie in Europa, la Corte europea per i diritti umani (CEDU) ha affermato in una storica sentenza di aprile che, per i bambini, tali misure "sono necessarie in una società democratica".

Il caso era stato intentato contro il governo ceco da un gruppo di famiglie, i cui figli erano stati esclusi da scuola per non essere stati vaccinati contro nove malattie trasmissibili che includevano poliomielite, epatite B, tetano, morbillo, parotite, rosolia, difterite, pertosse e infezioni da pneumococco.

La Corte ha concluso che le autorità sanitarie "potrebbero ragionevolmente introdurre una politica di vaccinazione obbligatoria al fine di raggiungere un livello adeguato di protezione contro malattie gravi" laddove l'inoculazione volontaria fosse fallita.

Gli esperti affermano che la sentenza sul caso, che si riferisca a fatti avvenuti prima della pandemia, potrebbe aprire la strada a vaccinazioni obbligatorie per il COVID-19.

Raggiunto da Euronews, un portavoce dell'OMS ha esortato gli Stati a prestare "estrema attenzione" nell'attuazione dei requisiti obbligatori per i vaccini.

"Le politiche nazionali di vaccinazione dovrebbero sforzarsi innanzitutto di rendere la vaccinazione facilmente ed equamente accessibile. In situazioni in cui l'assunzione volontaria del vaccino in determinati gruppi di popolazione si rivelasse inadeguata e i tassi di trasmissione di COVID-19 rimanessero inaccettabilmente elevati, si potrebbero prendere in considerazione raccomandazioni di vaccinazione per specifici gruppi professionali", ha detto il portavoce dell'OMS.

"Mentre ciò viene fatto, è fondamentale esplorare e pianificare interventi appropriati per affrontare eventuali ostacoli di fondo in questi gruppi di popolazione. Occorre prestare estrema attenzione all'attuazione di tali mandati o requisiti, compreso l'uso di eventuali sanzioni o multe, come possono rafforzare le disuguaglianze sociali e sanitarie».

"Il rapido aumento della vaccinazione COVID-19 per proteggere tutti i gruppi prioritari è importante per raccogliere tutti i benefici dei vaccini disponibili e prevenire il verificarsi di ulteriori varianti di preoccupazione", ha aggiunto il portavoce.