ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Hacker senza frontiere

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Hacker senza frontiere
Diritti d'autore  Jenny Kane/AP
Dimensioni di testo Aa Aa

L'attacco si è avvalso di un software aziendale

Centinaia di supermercati, costretti a chiudere, in Svezia, in seguito a un apparente caso di pirataggio informatico. A farne le spese, nel paese scandinavo, la catena Coop, ma centinaia di aziende sono state colpite anche negli Stati Uniti. Il sabotaggio non ha infatti preso di mira alcuna compagnia in particolare, ma si è avvalso di un software aziendale utilizzato in diversi paesi. Tra gli addetti ai lavori, alcuni già puntano il dito contro un gruppo di hacker russi.

"È una situazione senza precedenti, che ovviamente non dovrebbe verificarsi - dice Emma Knapp, portavoce di Coop - . Dobbiamo analizzare nel dettaglio quanto accaduto per comprendere come gestire eventuali casi del genere in futuro".

Lo scopo era probabilmente creare il caos soprattutto negli USA

L'agenzia statunitense per la sicurezza informatica e la compagnia che produce il software oggetto dell'attacco invitano tutti gli utenti a disattivarlo immediatamente. Tempistica e natura dell'operazione lasciano supporre che l'obiettivo fosse quello di massimizzare i danni sul mercato statunitense, alla vigilia del weekend lungo per la Festa dell'Indipendenza.