ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Francia, dopo le regionali la destra si ricompatta per sfidare Macron

Access to the comments Commenti
Di Antonio Michele Storto
euronews_icons_loading
Francia, dopo le regionali la destra si ricompatta per sfidare Macron
Diritti d'autore  FRANCOIS LO PRESTI/AFP or licensors
Dimensioni di testo Aa Aa

All'indomani delle elezioni regionali in Francia, una domanda sorge spontanea per la destra: chi è oggi il miglior candidato per le elezioni presidenziali del 2022?

Secondo un sondaggio condotto da IFOP-fiducial per due emittenti private, il 51% dei francesi interrogati in merito punterebbe sull'ex repubblicano Xavier Bertrand .

Dietro di lui, c'è Valérie Pécresse, appena rieletta nella regione dell'Ile de France; seguita dal repubblicano Laurent Vauquiez, e dal negoziatore capo per brexit Michel Barnier.

Nessuno dei quattro ha ancora annunciato ufficialmente la propria candidatura alle presidenziali: Bertrand, che ha lasciato i repubblicani nel 2017 ed è stato appena riconfermato a capo della regione dell'Hauts de France, sembrerebbe il più adatto. Tanto che dopo il voto di domenica era già in aperta campagna elettorale.

"Che abbiate votato o no - ha dichiarato alla riconferma - stasera vi dico : abbiamo bisogno di voi, la nostra nazione ha bisogno di voi, ognuno di voi, del vostro patriottismo, della vostra feroce determinazione per vedere la Francia tornare ad essere la numero uno. Al di là della rabbia e delle sofferenze, c'è un cammino di speranza. Viene dal cuore delle regioni, da questa Francia fiera, dignitosa, coraggiosa e che riprenderà in mano il suo destino. Questa pausa per la speranza inizia ora, inizia qui".

Proprio questo lunedì mattina, Bertrand chiamato Pécresse e Vauqiez per formare "una buona squadra per il 2022"; ma per il momento nulla è deciso e i Repubblicani non sanno ancora chi sarà a scendere in campo contro Macrone Le Pen.

La fondatrice di Soyons Libres Valerie Pecresse aspetterà l'estate per una conferma definitiva sulla sua candidatura. "Stasera - ha dichiarato anche lei dopo lo spoglio - una squadra francese di destra e di centro è emersa nelle regioni. Abbiamo una grande responsabilità e farò fino in fondo la mia parte. Più che mai voglio continuare e amplificare la mia lotta per le mie convinzioni, ma anche per i valori della Repubblica".

Pécresse ha poi invitato la destra e il centro a designare entro l'autunno un candidato comune. In Auvergne-Rhône-Alpes, Wauquiez, che ha vinto le elezioni con circa il 56% dei voti, ha a sua volta inviato ulteriori segnali di disponibilità per una candidatura

Anche Michel Barnier, da politico esperto, sta considerato di presentarsi alle presidenziali 2022, ma spera prima di raccogliere ulteriori consensi.