Biodiversità: quello che stiamo facendo non è abbastanza!

Il lago Balaton, il cui ecosistema è molto fragile e le cui rive sono in pericolo a causa di sviluppi speculativi, Ungheria
Il lago Balaton, il cui ecosistema è molto fragile e le cui rive sono in pericolo a causa di sviluppi speculativi, Ungheria Diritti d'autore Laszlo Balogh/LASZLO BALOGH
Di Cinzia Rizzi Agenzie:  ADKRONOS
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Secondo un rapporto di UNEP e FAO, l’umanità utilizza circa 1,6 volte la quantità di servizi ,che la natura può fornire in modo sostenibile

PUBBLICITÀ

L'umanità sta usando circa 1,6 volte la quantità di servizi che la natura può fornire in modo sostenibile. È quanto emerge da un rapporto del Programma dell'Onu per l'ambiente (Unep) e della Fao, presentato in occasione dell'avvio del Decennio delle Nazioni Unite sul ripristino dell'ecosistema (2021-2030). In parole povere: bisogna fare di più di quello che stiamo facendo.

"Gli ecosistemi affrontano minacce enormi: le foreste vengono disboscate, i fiumi e i laghi inquinati, le zone umide e le torbiere prosciugate, le coste e gli oceani degradati e sovrasfruttati, solo per citare alcuni esempi", spiega Dominique Burgeon, direttore della divisione emergenze e resilienza della FAO presso le Nazioni Unite a Ginevra. "La conservazione di ecosistemi sani è essenziale, ma non sufficiente. Dobbiamo andare oltre e ripristinare tutti gli ecosistemi che possono essere ripristinati".

Nel prossimo decennio bisogna quindi ripristinare almeno un miliardo di ettari di terra degradati. Gli ecosistemi che richiedono ciò - oltre a terreni agricoli, foreste, montagne e aree urbane - sono anche acque dolci e oceani.

"La pandemia di Covid-19 ci ha appena ricordato che quando trattiamo male la natura, beh, ci sono delle conseguenze", dichiara Bruno Pozzi, direttore della divisione europea UNEP. "È quindi un'opportunità con i trilioni di dollari, di euro e di franchi svizzeri che stanno arrivando sul mercato, per accelerare un cambiamento e ricostruire in modo diverso, più verde e ripristinare i nostri ecosistemi". 

Secondo il dossier di UNEP e FAO, i costi globali del solo ripristino terrestre sono di circa 200 miliardi di dollari all'anno entro il 2030.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Da "Indiana Jones" a Macron: ecco il variegato fronte ambientalista a Marsiglia

Rapporto Fao, "con il Covid peggiora la fame nel mondo"

Con i fondi Ue il ripristino ambientale del fiume Po