EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Erevan, migliaia di manifestanti davanti al Parlamento armeno: chiedono le dimissioni di Pashinyan

Erevan, migliaia di manifestanti davanti al Parlamento armeno: chiedono le dimissioni di Pashinyan
Diritti d'autore KAREN MINASYAN/AFP or licensors
Diritti d'autore KAREN MINASYAN/AFP or licensors
Di Cristiano TassinariAgenzie internazionali
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'accordo per il Nagorno-Karabakh continua a non essere digerito da una parte della popolazione armena: migliaia di oppositori del governo hanno protestato al Parlamento di Erevan, chiedendo le dimissioni del primo ministro Nikol Pashinyan, appena tre anni fa considerato l'uomo del cambiamento

PUBBLICITÀ

"Pashinyan, dimettiti!"

Migliaia di sostenitori dell'opposizione armena hanno bloccato, martedì sera, il Palazzo del Parlamento nella capitale Erevan, chiedendo a gran voce le dimissioni del primo ministro Nikol Pashinyan (45 anni).

Stepan Poghosyan/PHOTOLURE
Contatto pericolosamente ravvicinato tra polizia e manifestanti.Stepan Poghosyan/PHOTOLURE

Pashinyan, un eroe: appena tre anni fa. Poi...

Il premier, acclamato dalla folla appena tre anni fa come uomo del cambiamento (Euronews realizzò un servizio dal suo paese d'origine, Idjevan), ora è nell'occhio del ciclone, dopo l'accordo di pace di novembre, forzatamente accettato, che ha messo fine a sei settimane di combattimenti dell'Armenia con l'Azerbaigian per la regione contesa del Nagorno-Karabakh.

Stepan Poghosyan/PHOTOLURE
Le proteste davanti al Palazzo del Parlamento sono cominciate ben prima della sera.Stepan Poghosyan/PHOTOLURE

"Un tentativo di colpo di Stato"

Le tensioni politiche si sono ulteriormente intensificate da quando, a fine febbraio, un gruppo di ufficiali militari ha scritto una lettera, chiedendo al primo ministro di dimettersi. Pashinyan ha rifiutato e ha definito la lettera dell'esercito "un tentativo di colpo di Stato", ordinando la rimozione dall'incarico del capo dello Stato Maggiore.

Sempre colpa del Nagorno-Karabakh

Al centro dei disordini, l'accordo mediato dalla Russia, che Pashinyan ha firmato (annunciandolo con un post su Facebook...), e che ha messo fine ai combattimenti con l'esercito dell'Azerbaigian, sostenuto dalla Turchia, dopo che le forze armene aveva subito molte vittime e notevoli perdite territoriali sul campo di battaglia.

Hayk Baghdasaryan/PHOTOLURE
Nikol Pashinyan insieme alla moglie Anna Akobyan.Hayk Baghdasaryan/PHOTOLURE

In base all'accordo, l'Armenia ha ceduto il controllo su parti del Nagorno-Karabakh e su tutti i sette distretti circostanti l'Azerbaigian, che erano stati occupati dalle forze armene fin dai primi anni '90.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'Ue riapre il dibattito sul genocidio armeno, ancora non riconosciuto da tutti i Ventisette

Crisi in Armenia: voto anticipato il prossimo 20 giugno

Armenia, il premier denuncia un tentato colpo di Stato militare