EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Repressione e sangue in Myanmar. Decine di morti e feriti tra i manifestanti

Repressione e sangue in Myanmar. Decine di morti e feriti tra i manifestanti
Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di Debora Gandini
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

In Myanmar la repressione si fa sempre più dura. Decine di morti e feriti tra i manifestanti. La polizia spara contro i civili. ONU e Ue chiedono la fine delle violenze. Bruxelles valuta di adottare a breve misure per far fronte a questa situazione

PUBBLICITÀ

Diventa sempre più violenta la repressione contro i dimostranti che in Myanmar da settimane protestano contro il golpe militare del primo febbraio. Il bilancio provvisorio parla di una ventina di morti e decine di feriti.

Per disperdere la folla, che ormai si dà appuntamento ogni giorno nelle principali città del Paese al grido di democrazia e libertà, le forze di sicurezza ora sparano sulle persone. Dal centro di Yangon a Tavoy le immagini sono le stesse. Studenti e cittadini di ogni età non si lasciano intimorire, e sfidando i colpi di arma di fuoco, chiedono la restaurazione del governo civile di Aung San Suu Kyi.

La giunta militare non arretra e passa alle maniere ancora più forti contro i dimostranti, dopo aver utilizzato nelle scorse settimane pallottole di gomma, lacrimogeni e cannoni ad acqua. Mentre gli ospedali si riempiono, la comunità internazionale chiede l’immediata fine di ogni violenza contro i civili.

Per l’Alto rappresentante dell'Unione europea Josep Borrell la popolazione del Myanmar deve poter esprimere il proprio diritto alla libertà di espressione e di riunione". "Questa fine settimana, l'esercito ha aumentato la sua brutale repressione delle proteste pacifiche, lasciando molti manifestanti morti o feriti", ha aggiunto Borrell. La violenza non darà legittimità al ribaltamento illegale del governo democraticamente eletto".In risposta a questa situazione di emergenza Bruxelles potrebbe adottare a breve misure. Finora la pressione internazionale non sembra aver avuto alcuna influenza sul Generale Min Aung Hlaing.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Myanmar, gli Stati Uniti chiedono il ripristino della democrazia

Kenya, proteste e sconti nelle strade di Nairobi

Argentina, nuova protesta contro Milei per chiedere il rilascio di 16 manifestanti