ULTIM'ORA
euronews_icons_loading
Proteste a Myanmar

Ancora proteste a Myanmar. Gli operatori sanitari si sono mobilitati come parte del Movimento di Disobbedienza Civile (CDM), che ha dato vita alla cosiddetta "Rivoluzione dei camici bianchi", per protestare contro il Gen. Min Aung Hlaing che ha organizzato il colpo di stato del 1° febbraio.

Migliaia di persone in camice si sono radunate al centro commerciale Time City Square e hanno marciato verso i famosi luoghi di protesta, gli incroci di Hledan e Myaynigone, cantando e tenendo in mano cartelli del CDM e ritratti di Aung San Suu Kyi.

Grande il dispiegamento delle forze dell'ordine.