ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Dal Women 20 la sfida ai leader mondiali per la parità di genere

euronews_icons_loading
Dal Women 20 la sfida ai leader mondiali per la parità di genere
Diritti d'autore  Giorgia Orlandi, euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

La parità di genere è al centro del "Women20” a presidenza Italiana. Un modo per affrontare le questioni femminili aggravate dalla crisi pandemica. In occasione del kick off che segna l’inizio dei lavori in vista del documento finale da consegnare ai leader di governo dei 20 Paesi più industrializzati, abbiamo incontrato la Chair Linda Laura Sabbadini.

In Italia la crisi provocata dalla pandemia di Covid-19 ha colpito, soprattutto, l’occupazione femminile aumentando le diseguaglianze di genere.

Secondo l’Istituto Nazionale di Statistica a dicembre sono stati persi 101 mila posti di lavoro: 99 mila erano occupati proprio da donne. “Eravamo già fanalino di coda in Europa sulla parità di genere e le giovani ancor più adesso sono le ultime a livello occupazionale in Italia”, ha sottolineato Martina Rogato,“W20 Sherpa”.

La gestione delle risorse del Recovery Plan è l’altro obiettivo del governo. Un punto di centrale importanza per la ricostruzione economica del Paese che ha riacceso i riflettori sul ruolo delle donne nei processi di “decision making”.

Un esempio è l’iniziativa di “Half of it , la voce femminile del Recovery che ha dato vita ad un vero e proprio manifesto. Un documento programmatico con una proposta di riforme necessarie per far ripartire l'economia indirizzato al governo.

Francesca Bettio è tra le fondatrici del portale “InGenere” e ci spiega perchè aumentare l’occupazione femminile dovrebbe essere la priorità del nuovo esecutivo. "E' la misura" ha detto "in base alla quale giudicare il successo del Recovery Plan".

“Il messaggio chiave di cui il gruppo “Women20” attraverso le parole della Chair Linda Laura Sabbadini si fa portatore è che, rappresentando la metà della popolazione mondiale, le donne oggi non chiedono la semplice inclusione ma l’empowerment femminile.