EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

RSF: Nel 2020 uccisi 50 giornalisti. "I governi li prendono di mira"

RSF: Nel 2020 uccisi 50 giornalisti. "I governi li prendono di mira"
Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il Messico uno dei paesi più pericolosi per chi lavora nell'informazione

PUBBLICITÀ

In America latina vengono assassinati. In Pakistan torturati e condannati a morte. In Turchia sepolti sotto pesanti condanne detentive. Secondo Reporters sans frontiers, che ha pubblicato il suo rapporto annuale, nel 2020 una cinquantina di giornalisti hanno perso la vita nel mondo a causa del loro lavoro. E il Messico, stritolato dal narcotraffico, risulta uno dei paesi più pericolosi del pianeta, per chi fa questo mestiere.

Pauline Adès-Mevel, portavoce di Reporters sans frontiers (RSF): "Per la pandemia i giornalisti sono stati meno presenti sul campo, ma resta lo stesso visibile una tendenza emersa da anni e che è diventata più chiara l'anno scorso: il 68% dei giornalisti uccisi in paesi non in guerra, praticamente due su tre, sono morti semplicemente perché presi di mira intenzionalmente. Pubblicano rapporti, svolgono inchieste che disturbano, e dato che diffondono notizie imbarazzanti per certi governi, vengono presi di mira ed eliminati".

Non sono solo le mafie e il narcotraffico a minacciare i giornalisti, come succede anche in Italia, ma anche le autorità costituite. Secondo il rapporto, negli Stati Uniti, numerosi giornalisti sono stati intimiditi e sottoposti a violenza per il solo fatto di coprire professionalmente le manifestazioni di Black Lives Matter, il più grande movimento di protesta antirazzista della storia del paese.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Parigi 2024, la sindaca Hidalgo nuota nella Senna alla vigilia delle Olimpiadi

Olimpiadi di Parigi, allestito il più grande campo militare per garantire la sicurezza

Parigi, la torcia olimpica illumina la parata militare del 14 luglio