EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Maradona e la politica, una relazione pericolosa

Images
Images Diritti d'autore creative commons
Diritti d'autore creative commons
Di Alberto De Filippis
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Da Videla a Fidel Castro, passando per Ahmadinedjad la storia di un campione che non ha mai disdegnato di flirtare con il potere

PUBBLICITÀ

Amato, idolatrato, ma anche odiato, Diego Armando Maradona ha sempre saputo come utilizzare la politica e come essere utilizzato. La dittatura militare di Videla notò questo giovane fenomeno e decise di approfittarne. E lui si lasciò usare. Il suo primo successo, fu il Campionato giovanile di Tokyo, venne utilizzato da Videla per migliorare la propria immagine e distogliere l'attenzione della gente dai crimini che venivano commessi. Le manifestazioni dell'epoca sono servite a nascondere la visita della delegazione della Commissione internazionale per i diritti umani, venuta per indagare sulle sparizioni degli oppositori.

In una telefonata Jorge Videla si complimenta con Diego Maradona che risponde ringraziando per le lodi e offrendo la vittoria del mondiale juniores al presidente. 

A Napoli Maradona ha scoperto l'attrazione dei tifosi di calcio per i simboli della guerriglia latinoamericana, anche se spogliati di ogni significato politico. È lì che scopre la figura del Che. Durante un carnevale a Rio de Janeiro, l'immagine del rivoluzionario argentino tatuata su un braccio e poi quella di Fidel su una gamba.

All'adorazione per Castro, ha aggiunto quella per Hugo Chávez e Evo Morales, fino al'ex presidente dell'Iran, Ahmadinedjad, un negazionista dell'Olocausto. 

Recentemente era passato a sostenere le proteste di Black Lives Matter in nome dei diritti umani, passando per allenare la squadra messicana dei Dorados di Culiacan luogo controllato dal cartello di Sinaloa e sospettato di investimenti oscuri.

Maradona è stato un grande campione, ma non ha mai disdegnato di flirtare con il potere. Una personalità complessa che verrà ricordata anche per questo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Argentina, fan di Maradona celebrano l'anniversario dei goal di Messico '86

Argentina, nuova protesta contro Milei per chiedere il rilascio di 16 manifestanti

Argentina, in migliaia in piazza a Buenos Aires protestano contro le riforme di Milei