Bielorussia: per allentare il fiato sul collo, Lukashenko libererà i detenuti politici?

Bielorussia: per allentare il fiato sul collo, Lukashenko libererà i detenuti politici?
Diritti d'autore AFP
Di Cristiano TassinariAgenzie Internazionali
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Mentre a Minsk non si fermano le manifestazioni di protesta - e non si ferma neppure la violenta repressione da parte della polizia -, Lukashenko tenta una mossa astuta e disperata: cerca un accordo con alcuni dei leader dell'opposizione da lui incarcerati, offrendo in cambio la loro libertà.

PUBBLICITÀ

Addirittura le granate flash bang contro i manifestanti, a Minsk...

Un'altra domenica di proteste, nella capitale della Bielorussia.
62° giorno di manifestazioni, iniziate il 9 agosto 2020, in seguito alla contestata vittoria elettorale di Alexander Lukashenko alle elezioni presidenziali.

Immagini già viste: la polizia in assetto antisommossa arresta i manifestanti, almeno 39 a Minsk e dozzine in altre città.

E la folla marcia e canta "mettete Lukashenko in un furgone della polizia".

AP/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Ancora botte da orbi a Minsk tra polizia e manifestanti.AP/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.

"Macron e Merkel credono davvero nella nostra vittoria"

Dal suo autoesilio in Lituania, Svetlana Tikhanovskaya, leader dell'opposizione, al telefono con il marito Sergei, attualmente in carcere:

"Posso solo ringraziare i bielorussi. So che non possiamo ritirarci e non lo faremo mai, finché non sarete tutti liberi e non ci saranno nuove elezioni".

- Sergei Tikhanovsky (al telefono): Come sta andando? Così hai visto Macron e Merkel...

- Svetlana Tikhanovskaya: Gente simpatica. Ci sostengono. Non riconoscono la legittimità di una sola persona. Credono davvero nella nostra vittoria".

Mossa astuta o disperata?

Mossa strategica del presidente bielorusso Lukashenko: sabato, in una prigione dell'ex KGB, ha incontrato alcuni avversari politici che da mesi sono in carcere su suo ordine.
Tra loro anche Viktor Babaryko, un banchiere di successo che era considerato il vero leader dell'opposizione, prima dell'arresto in giugno.

Dichiara Lukashenko: :

"Sto cercando di convincere non solo i miei contestarori, ma l'intera società che bisogna guardare alla situazione in modo più generale".

Per allentare il fiato della contestazione sul collo, Lukashenko starebbe pensando alla scarcerazione di alcuni dei detenuti politici.

AP/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
11 ottobre 2020, sotto la pioggia di Minsk: 62° giorno di proteste.AP/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Bielorussia, Tikhanovskaya chiama allo sciopero nazionale contro Lukashenko

Vertice Ue: scattano le sanzioni contro la Bielorussia

Cipro, Bielorussia e Nagorno-Karabakh, è il vertice europeo dei veti incrociati