ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Cos'è Regeneron, la "cura miracolosa" che avrebbe guarito Trump dal Covid

Regeneron
Regeneron   -   Diritti d'autore  AP/Regeneron
Dimensioni di testo Aa Aa

Un cocktail sperimentale di anticorpi, negli Stati Uniti, ha trovato un testimonial d'eccezione. Il farmaco si chiama REGN-COV2 e a pubblicizzarlo il questi giorni è nientemeno che il presidente uscente Donald Trump, secondo il quale questo composto lo avrebbe guarito in tempi record dal Covid-19.

Grazie ai fondi stanziati con il programma "Warp speed", con cui Washington si è impegnata a finanziare massicciamente la ricerca per un vaccino contro la malattia da Coronavirus, la casa produttice, la Regeneron, ha ricevuto 450 milioni per sviluppare questo cocktail. Un altro aiuto non trascurabile è arrivato, per l'appunto, dallo stesso Trump, che ha reso popolare il cocktail anticorpale con una serie di dichiarazioni e post sui social network, descrivendo il cocktail come "una benedizione di Dio".

Il presidente, che ha ricevuto il farmaco dalla stessa casa produttrice, ha sottolineato di averlo testato in prima persona, nonostante il composto sia ancora in attesa di approvazione dalla Food and Drug Administration (FDA).

Trump ha promesso di farlo approvare urgentemente e gratuitamente, affermando che Regeneron è "la cura" per questa malattia .

"Avevo sentito parlare di questo farmaco, e ho pensato 'proviamolo'" ha dichiarato Trump. "Sono stato io stesso a suggerirlo e il modo in cui ha funzionato è stato incredibile. Sono arrivato in ospedale senza sentirmi molto bene e 24 ore dopo stavo benissimo e volevo già essere dimesso. Ed è quello che voglio per tutti, voglio che tutti ricevano lo stesso trattamento del presidente " ha aggiunto

Trump si è riferito erroneamente al farmaco chiamandolo Regeneron, dal nome della casa farmaceutica, ma la deniminazione provvisoria del composto sperimentale è REGN-COV2.

La mania di Trump per i "consulti" medici

Non è la prima volta che Trump si lancia con entusiasmo in simili consulenze mediche attraverso dichiarazioni ai media.

Tuttavia - come hanno rimarcato i commentatori più sarcastici - Trump non è stato trattato con questa sostanza, il cui utilizzo per Sars-Cov2 è stato escluso dall'agenzia statunitense FDA, dopo aver evidenziato rischi cardiocircolzatori legati all'utilizzo del farmaco.

Tecnicamente, il cocktail ricevuto da Trump, trovandosi ancora in fase sperimentale, viene somministrato in quello che viene definito "uso compassionevole". Vale a dire, secondo la Food and Drug Administration (FDA), che l'accesso ai farmaci sperimentali è consentito solo per i pazienti la cui vita è seriamente minacciata.

Necessari ulteriori test

Fino a quando non sarà approvato, dunque, REGN-COV2 potrà essere somministrato solo a pazienti che si offrano volontari per le sperimentazioni.

Secondo gli esperti statunitensi, infatti, saranno necessari ulteriori dati per valutare l'efficacia del trattamento prima di consentirne un uso più ampio.

Il professore di microbiologia all'Università Complutense di Madrid,Víctor Jímenez, ha spiegato a Euronews che la reazione che un farmaco può avere in ogni persona è "imprevedibile" e che "ciascuno può reagire in modo diverso". Jiménez sottolinea come soltanto i test abbiano valore, aggiungendo inoltre che nel caso di Donald Trump sono stati somministrati altri farmaci come Remdesivir, un antivirale.

Ad oggi, REGN-COV2 è stato testato su 275 pazienti e ha superato 3 fasi . Per il professore è normale che le fasi si avanzino molto velocemente "perché le scadenze accelerano molto" per un farmaco che richiederebbe anni.

"Un investimento e un costo significativo"

Secondo Jiménez, farmaci di questo tipo "sono molto costosi da sviluppare" . Il professore sottolinea che non è un farmaco da usare perché "non è una piccola molecola con una chimica definita come un qualsiasi farmaco che ha un'attività antivirale per bloccare le repliche e il ciclo di infezione del virus" . In questo caso, fa notare Jimenez, si tratta di anticorpi neutralizzanti e devono funzionare, se somministrati per tempo, perché ridurrebbe la capacità del virus di infettare in modo aggressivo.

Secondo Jímenez, per i casi più gravi di polmonite con "componente infiammatoria e necessità di intubazione" questo genere di cocktail di anticorpi sarebbe inutile."È una forma di immunoterapia, simile ai sieri anti-immuni come un siero antirabbico o antitetanico. Generare milioni e milioni di dosi di questo farmaco sarebbe molto costoso", afferma.

Anticorpi artificiali

Il farmaco sperimentato da Regeneron è un cocktail di due anticorpi monoclonali. Si tratta di copie create in laboratorio di quegli anticorpi che sono una delle armi principali che il sistema immunitario mette in gioco per combattere le infezioni.

Secondo Jiménez, si tratta di una miscela di anticorpi generati in vitro specificamente per il coronavirus, simili agli anticorpi naturali ma creati artificialmente. I pazienti generalmente impiegano almeno una settimana per sviluppare questo tipo di difese. Per questo, sottolinea l'esperto, "se non li si fornisce nei primi giorni di ricovero, farlo in seguito non ha senso"

Interessi economici?

Le azioni di Regeneron sono aumentate del 7% lunedì, portando così a una crescita complessiva di +60% dall'inizio dell'anno. Stando ai rapporti del Government Ethics Office, il presidente non possiede azioni della società al momento, ma ne possedeva nel 2017, quando le azioni Regeneron gli avevano portato entrate comprese tra 50.000 e 100.000 dollari.

Alla CNN Regeneron ha trasmesso una dichiarazione, secondo cui Trump e il CEO dell'azienda, Leonard Schleifer si conoscono, ma "non avevano avuto contatti regolari prima di quest'anno, quando hanno occasionalmente discusso di questioni relative al COVID-19 ".