ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Trump scaccia covid? Le notizie sono contraddittorie

euronews_icons_loading
Trump scaccia covid? Le notizie sono contraddittorie
Diritti d'autore  Susan Walsh/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

Terapie "miracolose" anti-covid hanno rimesso in piedi Trump. Almeno, così lui stesso definisce le cure cui è stato sottoposto, e che gli permettono di parlare all'America. Sarebbero un mix di anticorpi Regeneron e l'antivirale Remdesivir. Ma le voci, anche contrastanti, sul suo reale stato di salute si rincorrono.

Per il medico presidenziale il paziente "non è ancora fuori pericolo" secondo altri la vicenda è una bufala creata ad arte da Trump stesso per dimostrare le sue tesi relativiste sul virus.

La Casa Bianca ha comunque pubblicato un video in cui il presidente non sembra un granché sofferente:

"sono qui, non mi sentivo molto bene, adesso sto molto meglio, ce la stiamo mettendo tutta affinchè possa recuperare completamente. Devo tornare perché dobbiamo restituire all'America la sua grandezza. Abbiamo fatto un lavoro enorme finora, ma il cammino è ancora lungo e dobbiamo completare il lavoro fatto. Tornerò, tornerò presto."

Si parla addirittura di un focolaio di covid tra i repubblicani. Il big bang del contagio sarebbe avvenuto alla Casa Bianca, in occasione dell'investitura della giudice Amy Coney Barret alla Corte Suprema

Nella cerimonia, come mostrano numerose imagini, circolate tra TV e Web, il senatore repubblicano Mike Lee, dello Utah, abbracciava i presenti senza mascherina. Che sia lui il paziente "zero più" dei conservatori Usa?

Nel Grand Old Party ci sono parecchi casi di infezione da covid. Sarà una tegola sulle elezioni presidenziali del 3 novembre per i repubblicani, o una dimostrazione a tutta l'America che le tesi relativiste sul covid da loro sostenute sono corrette? Tutto dipenderà da come si riprenderanno dalla positività, o dalla malattia conclamata.

Il senato ha comunque sospeso i lavori fino al 19 ottobre.

Per il momento un fatto concreto c'è: la notizia sensazionale sul covid presidenziale ha distratto l'attenzione dell'opinione pubblica dall'accusa contro Trump (ancora tutta da provare) di evasione fiscale.