EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Covid-19: dal 17 ottobre Immuni funzionerà anche all'estero

L'applicazione di contact tracing Stayaway Covid
L'applicazione di contact tracing Stayaway Covid Diritti d'autore AP Photo/Armando Franca
Diritti d'autore AP Photo/Armando Franca
Di Elena CavalloneCinzia Rizzi Agenzie:  ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Grazie al sistema europeo Gateway, le applicazioni di contact tracing nazionali dialogheranno tra loro. Italia, Germania e Irlanda i primi 3 Paesi a connetterle tra loro

PUBBLICITÀ

Italia, Germania e Irlanda saranno i primi tre Paesi a connettersi al sistema dell'Unione Europea per il tracciamento dei contagi da Covid-19, permettendo il funzionamento delle app nazionali anche oltre confine. 

In parole povere, grazie al sistema Gateway (che non richiede l'installazione di una nuova app da parte degli utenti) dal 17 ottobre, una volta all'estero, gli utenti che avranno installato l'applicazione nazionale di contact tracing sul proprio smartphone, riceveranno segnalazioni in caso di contatti con persone positive al Covid.

All’interno dell'Unione Europea sono 18 i Paesi che hanno già adottato un'applicazione o stanno per farlo: Austria, Belgio, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Malta, Olanda, Spagna, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca. E ad averla scaricata, in media, è il 10% della popolazione. Ancora pochi per Bruxelles, che garantisce la protezione dei dati personali e ricorda l'importanza di questo strumento tecnologico per il controllo della diffusione del virus.

In Italia, 6,6 milioni di persone (circa il 17%, esclusi i minori di 14 anni) hanno eseguito il download di Immuni. 

Il Covid ha reso evidente la necessità di una maggiore cooperazione a livelo europeo in ambito sanitario. La risposta a inizio pandemia è stata frammentata, a causa della mancanza di un coordinamento tra i 27. In questo contesto si inserisce la proposta della presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen di organizzare, nell'ambito della presidenza italiana del G20 (dall'1 dicembre 2020 al 30 novembre 2021), un vertice globale sulla salute. 

Torna quindi l'idea di una "Europa della salute", sperando che quest'esperienza serva da lezione all'Ue, per farsi trovare preparata in futuro di fronte a scenari simili.

Video editor • Cinzia Rizzi

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Borrell: Europa pronta a riattivare missione civile a Rafah ma serve via libera Israele ed Egitto

Meloni: no ad armi Nato all'Ucraina contro la Russia, sì ad alleanza con Popolari di von der Leyen

Cosa sappiamo finora della morte di Angelo Onorato, marito dell'eurodeputata Francesca Donato