EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Wendie Renard, la capitana delle campionesse d'Europa: "Chiediamo solo un po' di rispetto"

Wendie Renard, la capitana delle campionesse d'Europa: "Chiediamo solo un po' di rispetto"
Diritti d'autore Euronews
Diritti d'autore Euronews
Di cyril collot
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Intervista di Euronews a Wendie Renard, la capitana dell'Olympique Lyonnais, 5 volte vincitore della Champions League donne di fila. "Il calcio e lo sport sono anche una questione di mentalità e di cultura".

PUBBLICITÀ

Il giornalista di Euronews, Cyril Collot presenta la capitana dell'Oympique Lyonnais, Wendie Renard. Ruolo: difensore centrale.

"Ha appena conquistato la sua settima Champions League . Già oggi vanta uno dei più impressionanti palmares del calcio mondiale. Ma a 30 anni non conta affatto di fermarsi qui. Con noi c'è la capitana della squadra femminile dell'Olympique Lyonnais, Wendie Renard".

"Il Leone ruggisce sempre"

- Cyril Collot, Euronews:
Grazie anzitutto di essere con noi su Euronews. Lei ha da poco sollevato la Champions League per la quinta volta consecutiva: un exploit finora riuscito soltanto al Real Madrid negli anni '50. Che cosa prova ad essere nella storia del calcio mondiale?

Wendie Renard, capitana Olympique Lyonnais:
"Certo, come ha ben detto abbiamo eguagliato un record. Adesso però vogliamo batterlo! Dobbiamo fare ancora di più e ancora meglio, ma sarà dura. Questa stagione sappiamo, però, già quali sono i nostri obiettivi per battere questo primato. Sarà difficile, perché siamo sempre più nel mirino dei nostri avversari, ma...il Leone dell'Olympique ruggisce sempre!"

Euronews
Un momento dell'intervista negli studi di Euronews.Euronews

"Il calcio e lo sport sono una questione culturale"

- Cyril Collot, Euronews:
In Europa il calcio femminile sta guadagnando terreno. Cosa fare perché ciò avvenga anche su scala mondiale?

Wendie Renard, capitana Olympique Lyonnais:
"In proposito ci sono paesi molto più indietro rispetto alla Francia. E questo per ragioni di natura sociale e culturale. C'è ancora chi continua a considerare inaccettabile che una donna giochi a calcio o, più semplicemente, che pratichi uno sport. E' quindi una questione culturale, ma anche di mezzi. Senza soldi non si va da nessuna parte. E quando i soldi ci sono, bisogna saperli spendere nel modo giusto. E' un circolo vizioso".

"Chiediamo solo un po' di rispetto"

- Cyril Collot, Euronews:
"Ora, in Francia, la troviamo anche nei cinema in un documentario, proprio sulla squadra femminile dell'Olympique Lyonnais. Una testimonianza da cui emerge che c'è ancora molto da fare?

Wendie Renard, capitana Olympique Lyonnais:
"Nel documentario ci sono dei passaggi molto forti, che mostrano come in effetti resti ancora molto da fare. Non vogliamo rubare la scena agli uomini. Non vogliamo rubare la scena a nessuno. Quando vinciamo un titolo, bisogna però smettere di minimizzare. Di dire: 'Sì, è facile... Non conta niente'. È un atteggiamento che deve sparire. Si può pensare quello che si vuole. Noi chiediamo soltanto un po' di rispetto. Sarebbe già un buon inizio!".

Euronews
Durante l'intervista di Cyril Collot a Wendie Renard.Euronews
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Leo Messi ha vinto il Pallone d'Oro 2023

Il calcio francese diventa "green": Mbappé e gli altri viaggeranno (soprattutto) in treno

Via la cittadinanza francese a Karim Benzema, per i suoi legami con i Fratelli Musulmani?