This content is not available in your region

Covid-19, Australia: "Produrremo e distribuiremo un vaccino"

Access to the comments Commenti
Di euronews
euronews_icons_loading
Covid-19, Australia: "Produrremo e distribuiremo un vaccino"
Diritti d'autore  Luca Bruno/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved

L'Australia annuncia un accordo per produrre e potenzialmente distribuire un vaccino contro il Covid-19, sviluppato dalla società farmaceutica britannico-svedese AstraZeneca.

Il Premier, Scott Morrison, afferma che ogni singolo australiano sarà in grado di ricevere gratuitamente il vaccino dell'Università di Oxford, se si confermerà sicuro ed efficace.

L'accordo giunge in concomitanza dell'annucio del numero più basso di nuovi casi nelle ultime cinque settimane nello Stato del Victoria, tra i meno estesi del continente ma già duramente colpito.

Emilio Morenatti/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
AP PhotoEmilio Morenatti/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved

È la Spagna, invece, il Paese europeo con il maggior numero di casi di Covid-19 ogni 100.000 abitanti, un valore che nelle ultime due settimane è salito a oltre 132. Tra le comunità spagnole preoccupa la diffusione del virus nel Paease basco, dove sono stati vietati i raduni con più di 10 persone.

A livello europeo, la classifica prosegue con il Lussemburgo (98 casi ogni 100.000 abitanti) e Malta, 88,5 contagi su 100.000 abitanti.

Con la pandemia che riemerge a macchia di leopardo, tornano anche le restrizioni di viaggio; l'Austria si aggiunge alla lista dei paesi che prevedono controlli per i viaggiatori provenienti dalla Spagna.

Sebastian Kurz, Cancelliere austriaco: "Da lunedi ci sarà un avviso per le isole Baleari. Chi si trova lì in vacanza potrà continuare a restarci senza problemi, chi rientrerà dopo lunedi dovrà sottoporsi a test o fare una quarantena di 14 giorni".

Restrizioni ancor più drastiche in Irlanda, dopo che i casi positivi al virus sono aumentati rapidamente nelle ultime due settimane. Gli esperti affermano che i picchi siano dovuti alla diffusione del virus tra individui sotto i 40 anni, molti dei quali non sanno neppure di essere positivi.

Le autorità hanno ripreso a favorire il telelavoro e a sanzionare i gesti potenzialmente a rischio.

Per il capo del governo Micheal Martin vanno evitati comportamenti come quelli denunciati nei locali di Dublino nei giorni scorsi. "Molti si comportano come se il virus non fosse una minaccia", ha ammonito parlando ai giornalisti.

Un uso massiccio delle mascherine anche nei luoghi pubblici viene richiesto in Italia, una prescrizione che la Polizia si incarica di far rispettare soprattutto tra i tanti turisti che affollano le città.

Infine, in Francia il Governo ha reso obbligatorio su tutti i luoghi di lavoro l'uso della protezione individuale.