ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Azienda cinese annuncia: vaccino anti-Covid pronto ad inizio 2021

Yin Weidong, CEO della società farmaceutica cinese SinoVac, durante una visita ad una fabbrica di vaccini a Beijing il 24 settembre 2020.
Yin Weidong, CEO della società farmaceutica cinese SinoVac, durante una visita ad una fabbrica di vaccini a Beijing il 24 settembre 2020.   -   Diritti d'autore  Ng Han Guan/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

Una società farmaceutica cinese ha reso noto giovedì che il vaccino contro il nuovo coronavirus che sta sviluppando dovrebbe essere pronto ad inizio 2021, con l'obiettivo di distribuirlo in tutto il mondo.

Yin Weidong, amministratore delegato di SinoVac, ha detto di aver lui stesso provato il vaccino sperimentale assieme alla maggior parte dei suoi dipendenti.

"All'inizio, la nostra strategia è stata incentrata sulla Cina e Wuhan. Poi, a giugno e luglio, l'abbiamo adeguata per il mondo intero", le parole di Weidong.

"Il nostro obiettivo è quello di fornire il vaccino al mondo, compresi gli Stati Uniti e la UE", ha aggiunto.

Norme severe negli Stati Uniti, nell'Unione Europea, in Giappone e in Australia hanno storicamente bloccato la vendita dei vaccini cinesi. Ma, secondo Yin Weidong, questo potrebbe cambiare.

La SinoVac ha in mano uno dei quattro prototipi cinesi per il vaccino assieme alla SinoPharm, di proprietà statale, che ne ha due in sviluppo, e all'azienda privata affiliata all'esercito, CanSino.

Più di 24mila persone stanno partecipando alle sperimentazioni cliniche del CoronaVac in Brasile, Turchia e Indonesia, con ulteriori sperimentazioni previste per il Bangladesh ed eventualmente in Cile, ha detto Yin.

SinoVac ha scelto questi Paesi perché in ciascuno di essi l'epidemia è stata particolarmente violenta, a fronte di una grande popolazione e limitate capacità di ricerca e sviluppo.

Mezzo milione di dosi

Yin Weidong ha parlato con i giornalisti durante un tour di un impianto SinoVac a sud di Beijing. Costruito in pochi mesi da zero, l'impianto è stato progettato per consentire alla SinoVac di produrre mezzo milione di dosi di vaccino all'anno.

Giovedì scorso, la struttura stava già riempendo minuscole boccette di vaccino, inscatolandole.

L'azienda prevede di poter produrre alcune centinaia di milioni di dosi di vaccino entro febbraio o marzo del prossimo anno. SinoVac sta anche iniziando a testare piccole dosi di CoronaVac su bambini e anziani in Cina, dopo aver notato un numero crescente di casi in tutto il mondo tra questi due gruppi.

Yin Weidong ha detto che l'azienda darà priorità alla distribuzione del vaccino a quei Paesi che ospitano sperimentazioni umane di CoronaVac.

Nonostante il vaccino non abbia ancora superato gli studi clinici di fase 3, uno standard accettato a livello globale, il SinoVac è già stato iniettato a migliaia di persone in Cina con giustificazione emergenziale.

Yin Weidong ha detto di essere stato uno dei primi a ricevere una dose, mesi fa, assieme ai ricercatori. Era appena finita la fase uno e due degli studi clinici sull'uomo non avevano mostrato effetti collaterali gravi. L'autoiniezione, ha detto, "è una specie di tradizione della nostra azienda", ha aggiunto Yin. Ha detto di aver fatto lo stesso con un vaccino contro l'epatite in fase di sviluppo.

Ad inizio anno, la Cina ha permesso "l'uso d'emergenza" di candidati al vaccino per le fasce più a rischio, come il personale di frontiera e gli operatori sanitari, qualora le aziende fossero in grado di dimostrare "una buona sicurezza e buoni anticorpi" nei test su circa mille persone, ha indicato Yin Weidong.

SinoVac ha ricevuto l'ok in giugno assieme a SinoPharm e CanSino, ed è stata in grado di fornire decine di migliaia di dosi di CoronaVac al governo municipale di Beijing.

I dipendenti della SinoVac erano qualificati per farsi iniettare il vaccino in quanto un'epidemia all'interno dell'azienda ne paralizzerebbe la ricerca. Circa il 90% del personale dell'azienda lo ha ricevuto.

"Siamo fiduciosi che la nostra ricerca sui vaccini possa soddisfare gli standard degli Stati Uniti e dei paesi UE", ha concluso l'amministratore delegato.