ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Covid: ecco la macchina che disinfetta cibo e cellulari

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Con questo sistema è possibile disinfettare (senza danneggiarlo) qualsiasi oggetto o prodotto: dal cellulare al cibo
Con questo sistema è possibile disinfettare (senza danneggiarlo) qualsiasi oggetto o prodotto: dal cellulare al cibo   -   Diritti d'autore  Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Nato per sopperire alla carenza di mascherina, ora parte alla conquista del mondo

Dal Costa Rica un'invenzione potenzialmente rivoluzionaria in tempi di Covid. Un macchinario originariamente concepito per allungare la vita a mascherine e materiale protettivo, ma in grado di disinfettare, senza danneggiarlo, anche qualsiasi altro oggetto e prodotto. Sviluppato dall'Istituto tecnologico del Costa Rica, insieme alla compagnia Plasma Innova, mira ora alla conquista dei mercati internazionali. "Si tratta di un apparecchio che in principio era stato progettato per rispondere alle esigenze del sistema sanitario locale - spiega Erick Silesky, Direttore di Plasma Innova in Costa Rica -. Oggi è pienamente operativo e ci apprestiamo a compiere un ulteriore passo: ottenere una certificazione internazionale, che ci permetterenne di raggiungere altri mercati".

Euronews
In attesa di approdare sul mercato internazionale, l'apparecchio è già in uno in una clinica privata di San JoséEuronews

Possibile disinfettare (senza danneggiarli) anche cibo e cellulari

Novità carica di implicazioni è il ricorso a molecole di ozono: una soluzione che permette di evitare qualsiasi degradazione dei materiali che si intendono disinfettare. "Essendo in grado di procedere alla disinfezione di qualsiasi materiale senza produrre danni - dice Jaime Mora dell'Istituto tecnologico del Costa Rica - questo sistema permette di disinfettare praticamente ogni cosa: cellulari, tablet, penne, ma addirittura cibo, senza alterarne le proprietà". In attesa di ottenere il brevetto internazionale, il sistema è già in uso in una clinica privata di San José.