ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Germania, il monito dei medici: "No alle vacanze per evitare la seconda ondata di contagi"

This undated aerial photo handout on April 25, 2020 by beach resort Bacino Grande in Porto Cesareo, Apulia, southern Italy
This undated aerial photo handout on April 25, 2020 by beach resort Bacino Grande in Porto Cesareo, Apulia, southern Italy   -   Diritti d'autore  HANDOUT/AFP or licensors
Dimensioni di testo Aa Aa

Vacanze estive sul Mediterraneo? Poche cose sembrano più allettanti dopo il divieto di uscire e incontrarsi durato diverse settimane. Ma dalla Germania, il capo della World Medical Association, Frank Ulrich Montgomery, avverte che secondo lui ci saranno delle conseguenze:

“Il mio consiglio al governo tedesco è di tenere chiuse le frontiere, in entrata e in uscita. Per motivi di salute, sarebbe meglio che le persone restino dove vivono”.
Frank Ulrich Montgomery
World Medical Association

Lunedì il ministro degli Esteri, Heiko Maas, ha incontrato per la prima volta gli omologhi di dieci paesi europei – Italia inclusa - per cercare di salvare la stagione turistica soprattutto per chi vuole andare al mare. Un incontro interlocutorio sulle regole da applicare in attesa del prossimo round di colloqui previsto la prossima settimana.

Chi apre troppo, chi apre troppo velocemente?

Montgomery denuncia una gara pericolosa. Secondo lui, viaggiare aumenterà il rischio di una seconda ondata di infezioni peggiore della prima perché la gente non si manterrà così attenta e responsabile.

“Sono molto preoccupato per questo allentamento delle restrizioni tra i paesi europei perché ci sarà di nuovo una guerra di offerte: Chi si apre di più, chi si apre più velocemente?”

L'apertura delle frontiere è prematura. La ritrovata libertà di viaggiare sarà rischiosa a causa del previsto aumento del numero di turisti internazionali in Germania. Questo aumenta il rischio di infezione.

“Il governo agisce solo per ragioni economiche e sottovaluta i rischi per la salute. Non possiamo ancora tornare alla normalità”.

Il 15 giugno frontiere aperte

Il governo tedesco ha in programma di eliminare il divieto di viaggio per i turisti tedeschi a partire dai paesi dell'Unione Europea. Saranno introdotte restrizioni o cautele per ogni singolo paese. L’obiettivo è distinguere, caso per caso, i rischi relativi alle varie destinazioni.

Ma prima di tutto, le frontiere devono essere riaperte. La Germania vuole iniziare il 15 giugno con i paesi confinanti, ad eccezione di Repubblica Ceca e Polonia con le quali non c’è ancora un accordo.

L'industria del turismo ai blocchi di partenza

Gli operatori turistici hanno voluto incontrare i rappresentanti dei paesi che rappresentano le destinazioni abituali delle vacanze estive per mettere in atta al più presto misure di igiene e protezione adeguate.

Gli esperti del settore non si aspettano aumenti generali dei prezzi

L'esperto di turismo, Torsten Kirstges, dell'Università di Jade spiega:

“Anche se gli alberghi, i ristoranti e i campeggi, ad esempio, hanno costi più elevati a causa delle norme igieniche, la pressione dovuta alla concorrenza è elevata. Molti sono con l'acqua alla gola”.
Torsten Kirstges
Università di Jade