Battaglia per i lavoratori stagionali migranti. In Austria arrivano 220 ucraini

Battaglia per i lavoratori stagionali migranti. In Austria arrivano 220 ucraini
Diritti d'autore Cecilia Fabiano/LaPresse via AP
Diritti d'autore Cecilia Fabiano/LaPresse via AP
Di Cinzia Rizzi Agenzie:  ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

In Austria arrivano 220 ucraini, mentre Salvini minaccia di scendere in piazza, se passasse la maxisanatoria

PUBBLICITÀ

Per molti agricoltori in Austria, la stagione del raccolto sarà una vera e propria sfida, dopo le restrizioni imposte per combattere la diffusione del coronavirus. Molti lavoratori stranieri, infatti, non possono ancora entrare nel Paese, ma gli agricoltori dell'Alta Austria sono riusciti a far arrivare più di 220 lavoratori stagionali ucraini, dopo lunghe e difficili trattative, giusto in tempo per la raccolta delle fragole.

In Italia, è battaglia in corso tra partiti al governo e opposizione. Il leader della Lega, Matteo Salvini, si è detto pronto a scendere in piazza, qualora arrivasse l'ok alla proposta di Italia Viva, di una maxisanatoria per i lavoratori irregolari

I colloqui tra i ministri dell'agricoltura, dell'interno, del lavoro e del sud sarebbero infatti "vicini" al raggiungimento di un accordo, per regolarizzare 600.000 lavoratori il cui contratto è scaduto

Nei giorni scorsi le forze di governo erano lontane da un'intesa, con il Movimento Cinque Stelle che aveva chiuso a tale ipotesi, mentre il Partito Democratico aveva dato l'ok - ma per un numero inferiore, circa 250-300.000 lavoratori -. La ministra dell'Agricoltura Teresa Bellanova ha minacciato le dimissioni, in caso di bocciatura della proposta.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Migranti, i Paesi europei del Mediterraneo chiedono cooperazione e nuovi fondi

Ilaria Salis candidata alle elezioni europee con Alleanza Verdi e Sinistra

Crisi in Medio Oriente, tra gli italiani preoccupazione e insoddisfazione per il ruolo dell'Ue