ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Dalle galere americane "el Chapo" Guzman impone il coprifuoco anti coronavirus in Messico

Dalle galere americane "el Chapo" Guzman impone il coprifuoco anti coronavirus in Messico
Diritti d'autore  el chapo Guzman
Dimensioni di testo Aa Aa

Se le autorità messicane non riescono a far rispettare distanziamento sociale e coprifuoco ci pensano i narcos. I figli del famigerato signore della droga Joaquín "El Chapo" Guzmán hanno imposto un "coprifuoco" sulki abitanti della città di Culiacán, nel nord-ovest del Messico, a causa della crisi del coronavirus.

I figli, noti come "Los Chapitos" o "il piccolo Chapos", hanno minacciato di "sanzionare" chiunque non rispetti le 22:00. coprifuoco e hanno persino inviato i loro scagnozzi a torturare chiunque non rispettasse il coprifuoco.

Gli uomini di Iván Archivaldo Guzmán e Jesús Alfredo hanno pubblicato video di se stessi che pattugliano le strade in auto, che è stato poi condiviso online dai messicani interessati.

Per radio le istruzioni minacciose dei figli del narcotrafficante

Il video è stato pubblicato sull'account TikTok di @ elmafiasgracia il 14 aprile, diventando virale. In esso si sente un uomo in macchina avvisare la popolazione di non lasciare le proprie case o avrà conseguenze per "Los Chapitos", riferendosi ai figli del trafficante di droga Joaquín "El Chapo" Guzmán.

"Sono informati che dopo le dieci di sera devono essere all'interno delle loro case a causa del coronavirus, se non riescono ad afferrare il tiro che stiamo per imbarcare sul gallo, vengono ordinati dall'alto da" Los Chapitos ". Non è un gioco, non stiamo giocando ", avverte la voce di un sospetto sicario del cartello di Sinaloa. Da allora nessuno osa uscire più in strada dopo le 22. A quanto pare, seppure rinchiuso e condannato all'ergastolo senza possibilità di scarcerazione, el Chapo continua a fare paura e a comandare.

Circa il problema il segretariato della pubblica sicurezza non ha rilasciato dichiarazioni. Inoltre, il governo di Sinaloa non ha detto nulla sulle minacce dei presunti trafficanti di droga.

Parte della cittadinanza chiede anche questa misura al governo statale. In una petizione su Change.org, che fino a questa domenica è stata firmata da 3.198 persone, l'utente Dan Santos ha sollecitato la protezione civile di Culiacán a fermarsi il 10 maggio, festa della mamma.