ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Covid-19: perché una crisi senza precedenti può trasformarsi in opportunità

euronews_icons_loading
Virus Outbreak Britain
Virus Outbreak Britain   -   Diritti d'autore  Frank Augstein/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

Nelle periferie francesi l'emergenza economica dovuta al coronavirus prende la forma di una fila. In fila per mangiare.

Questa associazione caritatevole, la ACLEFEU, si aspetta ogni giorno tra le 800 e le 1000 persone.

Un aiuto importantissimo per questa giovane che confessa: " Mangerei sassi, di sicuro, sono indebitata fino ai denti e posso pagare solo l'affitto".

Siamo a Seine Saint Denis uno dei sobborghi parigini più poveri di Francia con il più alto tasso di disoccupazione. Covid-19 ha esacerbato le differenze non appianate da politiche sballate nel corso degliultimi decenni.

E il peggio per molti deve ancora venire, come ci dice Mehdi Bigaderne dell'Aclefeu: "Questa crisi durerà. Sappiamo benissimo che non si fermerà l'11 maggio. È chiaro. Il governo sta annunciando una crisi economica senza precedenti dopo quella di salute pubblica. E le prime persone a essere toccate da questa crisi - come in ogni crisi - sono le persone in aree come la nostra, in periferia".

Chi viveva sotto della soglia di povertà contava sulle prestazioni del governo per dar da mangiare ai propri figli ma il blocco ha portato alla chiusura di un gran numero di programmi sociali e scolastici.

La nuova grande livella, così era chiamato covid-19 all'inizio, oggi però è evidente che la crisi sanitaria tocca i diversi strati della società in modo diverso.

E per i milioni di francesi che vivono ai margini delle grandi realtà, la crisi ha reso una realtà,già difficile, insostenibile.

A Saint Denis, il tasso di mortalità a marzo è arrivato a 62%, il più alto in Francia. Per il sociologo Fabien Truong l'auspicio è che ci sia un capovolgimento dei valori: "Se pensi alla pulizia dei luoghi pubblic, ai trasporti, alla logistica, alle persone che lavorano nei supermercati ... questi sono i lavoratori essenziali. E qui c'è la contraddizione perché sono essenziali eppure sono pagati male e possono a stento vivere del proprio salario".

Una crisi è sempre un'opportunità di cambiamento.

Per i sobborghi francesi ciò potrebbe significare un punto di svolta per ridare valore e giusto riconoscimento a chi veramente lo merita.