ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Atene, Primomaggio malgrado tutto

euronews_icons_loading
Atene, Primomaggio malgrado tutto
Diritti d'autore  euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

La pandemia non ha impedito a migliaia di greci di celebrare la festa del Primo Maggio. Rispettando le misure di prevenzione sanitaria, sono scesi in piazza ad Atene per ricordare che questa crisi sta pesando iniquamente sulle spalle dei lavoratori, e che senza un cambio di rotta, una catastrofe sociale è inevitabile.

Una manifestante: "Abbiamo scelto di essere qui con senso di responsabilità, per onorare le lotte della classe operaia e per continuare a lottare perché il virus più grave è il virus dello sfruttamento e dell'oppressione e la cura più efficace è la lotta per i diritti".

"Vogliamo rendere omaggio ai medici che combattono dall'inizio della crisi e lo facciamo aderendo all'invito a rispettare le misure sanitarie. Indossiamo le maschere e i guanti e manteniamo le distanze precauzionali", dice un signore.

"La festa del lavoro celebrata ad Atene dai sindacati cade in piena pandemia e per questo si svolge nel rispetto delle modalità di prevenzione decise dal governo. Ma il sacrificio più grande sulle spalle dei lavoratori è costituito dai 10 anni di crisi appena trascorsi. Ora torna la paura per il futuro, con un'altra crisi alle porte", spiega Michalis Arampatzoglou, di Euronews.

"Rischiamo da un giorno all'altro la creazione di centinaia di migliaia di nuovi disoccupati e quindi di persone potenzialmente sotto la soglia di povertà", si dice convinta una donna.

In piazza anche Gianis Varoufakis, economista, ex ministro e fondatore di Diem 25, un movimento per l'equità sociale: "Ieri in parlamento il primo ministro col suo silenzio ha confermato che saremo di fronte a conseguenze pesantissime sulle pensioni e sui salari. Il Primo Maggio è la giornata giusta per protestare contro una nuova fase di benessere per i pochi e di crudele austerità per i moltissimi".