Ferrovie, sicurezza e regole di mercato

euronews
euronews Diritti d'autore euronews
Di Michele Carlino
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Sindacati ed esperti: In Italia manca un controllore indipendente

PUBBLICITÀ

In quattordici anni di alta velocità in Italia quello di Lodi, in cui hanno perso la vita due macchinisti e sono rimaste ferite una trentina di persone, è il primo grave incidente. Eppure, le statistiche pubblicate ogni anno dall'Agenzia per la sicurezza delle ferrovie, rivelano dati superiori alla media europea. In dieci anni, dal 2006, in Italia hanno perso la vita 809 persone per incidenti legati alla circolazione dei treni. Uno stillicidio lento, che per questo non richiama l'attenzione dei media come accade a ogni incidente di rilievo.

Dal canto loro, gli addetti ai lavori puntano l'indice sul sistema ferroviario nel suo complesso, che da tempo registra la presenza di imprese - pubbliche o private - che ragionano in termini di mercato, e che per questo puntano a ridurre il più possibile costi e procedure. Non senza conseguenze, secondo Raniero Casini, sindacalista di CAT Ferrovie: "Alla fine dei lavori vengono fatti passare dei carrelli, vengono fatti controlli tecnologici, ma evidentemente il fatto che ci fossero quei meccanismi chiamati fermascambi che dovevano bloccare gli scambi in una determinata posizione, di fatto non hanno funzionato".

A sorvegliare sulla sicurezza delle reti ferroviarie italiane dal 2007 c'è una Agenzia nazionale istituita dal ministero dei Trasporti col compito di svolgere attività a garanzia della sicurezza. Una funzione che, secondo il professor Domenico Gattuso, dell'Università Mediterranea di Reggio Calabria, viene svolta non senza difficoltâ: "Ma quello che è avvenuto è una cosa strana in Italia l' Agenzia ha affidato alle imprese ferroviarie il compito di definire i propri sistemi di sicurezza".

L'incidente di Lodi riporta in primo piano l'affidabilità dell'intero sistema ferroviario italiano; un sistema che per gli addetti ai lavori andrebbe rivisto, a cominciare dalla definizione delle priorità. Ancora Gattuso: "Si guarda troppo spesso agli investimenti in grandi opere si impegnano risorse considerevoli su opere che probabilmente non sono indispensabili. Sarebbe importante assegnare maggiore attenzione alle ferrovie regionali che sono quelle piu critiche non è un caso che i maggiori incidenti siaN o avvenuti sulle reti regionali"

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Europee, i conservatori francesi fanno campagna elettorale sull'immigrazione al confine italiano

Al via Vinitaly: oltre 4mila cantine presenti, Lollobrigida contestato

Attacco iraniano: condanna da parte dell'Italia, Meloni convoca il G7